Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

lunedì 8 dicembre 2014

Lampi di luce

Lampi di luce


Non crediate che qualcuno di noi [israeliti] conosca a fondo e completamente questi grandi misteri [di Dio]. Niente affatto: talvolta la verità ci balena d’innanzi con la luminosità del giorno [la lampo, la luce in cui possiamo vedere la luce], ma è subito oscurata dalle limitazioni della nostra struttura materiale e dalle abitudini sociali, e noi ricadiamo in un’oscurità altrettanto buia di quella in cui ci trovavamo prima. Così siamo come una persona il cui ambiente circostante è di tanto in tanto illuminato dal lampo, ma negli intervalli è immersa in una notta nera come la pece. Alcuni di noi sperimentano  frequentemente questi lampi di illuminazione, finché vivono in una luminosità quasi continua, cosicché la notte si trasforma per loro in giorno [è una parola del salmo]. Questa era la prerogativa  del più grande dei profeti [Mosè], a cui Dio disse: “Ma tu resta qui con me” (Dt 5,31), e in merito al quale la Scrittura disse: “La pelle della sua faccia emetteva raggi (Es 34,29). Alcuni scorgono un unico bagliore di luce nell’intera notte della loro vita. Questa era la condizione di coloro riguardo ai quali è detto: “Essi profetizzarono quella volta ma non continuarono” (Nm 11,25). Per altri ancora vi sono pause lunghe o brevi tra lampi di illuminazione; e infine vi sono coloro a cui non è concesso che le loro tenebre siano illuminate da un lampo di luce, ma soltanto, per così dire, dal luccichio di qualche oggetto lucido, come le pietre e le sostanze fosforescenti che risplendono nella notte buia; e anche questa scarsa luce che ci illumina non è continua ma lampeggia e sparisce come se fosse il bagliore della spada roteante [i cherubini] (Gen 3,24). I gradi di perfezione nell’uomo variano secondo queste distinzioni.

[tratto da Mosè Maimonide (filosofo ebreo del 12° secolo), More Nebuchim (=la guida dei perplessi), citato in Abraham Heschel, Dio alla ricerca dell’uomo, a sua volta citato in Giuseppe Dossetti, Un solo Signore – Esercizi spirituali, pag.45, EDB, 2000]

L’età è adulta secondo la fede quando essa è il lampo che illumina non più in maniera intermittente ma in maniera quasi continua, quando l’irruzione di Dio è la voce che parla eternamente viene ascoltata dall’uomo  giunto alla pienezza  della statura di Dio in  Cristo con minore discontinuità di quello che abitualmente non sia per la maggioranza degli uomini anche battezzati.

[da Giuseppe Dossetti, Un solo –Signore – Esercizi Spirituali, pag. 45-46, EDB, 2000]


 L’azione del soprannaturale sugli esseri umani è descritta anche come una luce che illumina la loro vita. Essa non però, a differenza da quella naturale, non è sostituibile con luci artificiali. Il che spiega perché i vari metodi, tirocini, esercizi, cammini, mediante i quali ci proponiamo di progredire nella fede comune lasciano il tempo che trovano. E’ un fatto che ogni persona di fede sperimenta nella propria vita. Con quelle tecniche si può approfondire la comprensione della religione, intesa come liturgia e cultura. Poi però la fede ci giunge da fuori, è questo in fondo il significato dell’espressione che essa è dono.
 Ma, allora, che cosa valgono tutti gli sforzi che mettiamo nelle cose religiose? Fondamentalmente servono per rimuovere tutto ciò che può fare da schermo alla luce soprannaturale. E sono utili solo in questi limiti.
 Quindi poi, effettivamente si può andare a scuola  di spiritualità, cercandosi un maestro, e così migliorarsi.
Ma Dossetti consiglia di non far tanto conto, in materia di fede, su ciò che è  essenzialmente  frutto delle nostre  menti, del nostro impegno. Questo porta a relativizzarlo. E’ innanzi tutto a relativizzare l’importanza delle nostre costruzioni sociali, delle nostra collettività, per la vita di fede. Teniamo conto di questo, oggi che, con la consegna delle tessere di Ac, manifestiamo forte una nostra appartenenza collettiva. Che questo far parte di una collettività che si assume impegni piuttosto seri anche in materia religiosa non esaurisca mai le nostre prospettive di fede, in questo modo facendo ombra alla luce soprannaturale. Manteniamo sempre una forte apertura all’inaspettato, al non programmabile, a ciò che non è prodotto delle nostre menti, delle nostre volontà, delle nostre mani. Le nostre collettività non siano come arche in cui rinchiuderci in attesa che passi il diluvio, la distruzione finale del mondo in cui viviamo, la vendetta soprannaturale, in una prospettiva che direi clerico-apocalittica. La luce soprannaturale illumina proprio questo mondo in cui viviamo, qui e oggi.

Mario Ardigò – Azione Cattolica in San Clemente papa – Roma, Monte Sacro, Valli


Nessun commento:

Posta un commento