Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

martedì 18 novembre 2014

E’ necessaria, in religione, un’autorità “professionale”?

E’ necessaria, in religione, un’autorità “professionale”?


 Davvero meriterebbe che divenissimo assai più coscienti della straordinaria eredità – già solo in termini meramente sociali – che il Novecento cattolico italiano ha lasciato. Esso consegna un tipo di clero cattolico che, probabilmente, è l’unico caso in cui si siano conservati con quel grado di intensità e di effettività tutti i caratteri di una professione, avendo invece più o meno tutte le altre professioni rinunciato alla propria autonomia a favore vuoi dello Stato, vuoi della domanda dei mercati di riferimento. Il clero cattolico è nella società italiana, tra le altre cose, un valore civile, un presidio di poliarchia, costituisce una delle non molte istituzioni sopravvissute al secolo del suo “statalismo” tardivo, breve, ma intenso – e prossimo al tramonto -. In Italia, quella del prete è oggi per certi versi l’unica professione che conserva alcuni “standard” originari o quelli che caratterizzano le professioni nelle “stateless societies” [società non rette da autorità statali], non da ultimo anche a causa di alcune soluzioni adottate nelle riforma concordataria del 1984 […].
 Un secondo elemento. In Italia, non solo, ma soprattutto nelle parrocchie è presente una cospicua area di laicato cattolico che non assume la forma sub-professionale di “paraclero”, che non si riduce a mero consumatore abituale di prodotti religiosi, che non è assimilabile al tipo del componente di una setta ma che condivide ed esprime una coscienza matura dell’apostolato proprio dei laici ed eventualmente anche quella di una corresponsabilità laicale all’apostolato gerarchico. Evidentemente nella tipologia rientra innanzitutto la Azione cattolica e in certa parte almeno tanto altro “associazionismo” quale forma specifica e massimamente ecclesiale di aggregazione. Nelle parrocchie italiane vi sono molti laici che per sentirsi Chiesa non hanno bisogno di avere una mansione intraecclesiastica, di essere amici del prete, o di essere lasciati liberi di identificarsi con una versione ridotta della prassi e del credo della Chiesa. Non a caso alla vita dell’associazionismo ecclesiale ed in particolare di quello di Azione cattolica è strettamente legato quell’altro ruolo tipicamente e limpidamente ecclesiale del prete che è l’ “assistente” ecclesiastico, alla specificità e al valore del quale oggi troppo poco si presta cura (Tutt’altra cosa è infatti l’ “assistente ecclesiastico” rispetto al “direttore di un ufficio di curia” o al “leader” o al mero componente di un gruppo religioso: il primo  è un ruolo che molto diversamente dai secondi configura la funzione propria del pastore ed il suo rapporto con i laici e i religiosi).
[da Luca Diotallevi, I laici e la Chiesa – caduti i bastioni, pag.73-74, Morcelliana, 2013, €16,00, attualmente disponibile in commercio]

 Ai tempi nostri capiamo meglio, perché ce n’è sempre di meno, la grande ricchezza che ha portato nella società italiana il clero italiano come si è venuto caratterizzando nel Novecento. Il clero italiano ha avuto un ruolo sociale molto importante nel secolo scorso. Basti pensare alla figura di un Luigi Sturzo, il prete che ha costruito le basi culturali, ideologiche e politiche per far uscire la gente italiana della nostra fede dalla condizione di minorità ed emarginazione politica in cui l’aveva ristretta l’autoritarismo legittimista del papato, tutto centrato sul recupero della perduta sovranità temporale.
 Forse con meno intensità si sente invece la nostalgia dell’impegno dell’Azione Cattolica novecentesca, nel tempo della sua apparente progressiva eclisse in molte collettività italiane. Da un lato infatti il fenomeno presenta aspetti meno gravi di quello del rarefarsi del clero italiano sul modello novecentesco, poiché l’Azione Cattolica si presenta pur sempre, complessivamente, come un’esperienza di rilievo nelle nostre collettività di fede, dall’altro si sente il peso di un clima generale ad essa sfavorevole che ha caratterizzato gli ultimi trent’anni e che, in qualche modo, ha proseguito, aggravandolo, lo storico atteggiamento ambivalente della gerarchia italiana del clero verso qualsiasi esperienza laicale che volesse caratterizzarsi con maggiore autonomia.
 Entrambe le esperienze, quella del prete e quella nell’Azione Cattolica, si sono caratterizzate, nel Novecento, per l’acquisizione di un elevato grado di autonomia, fondato su un patrimonio culturale personale, tanto da denotare il complesso delle parrocchie italiane come quello che il Diotallevi, nel libro che ho citato, definisce un sistema poliarchico, in cui    in cui valori, norme, conoscenze decisive non sono determinati esclusivamente dalla domanda o da altri poteri sociali, a cominciare dallo Stato.
 Per molti versi al centro dei problemi di oggi delle nostre collettività di fede sta il problema dell’esercizio dell’autorità. Per le caratteristiche specifiche che è venuta assumendo la nostra fede un’autorità sarà sempre necessaria, ci sarà sempre bisogno di qualcuno che  ci spieghi le cose di fede, e in primo luogo le scritture sacre. Un accesso intuitivo, emotivo, alla fede è infatti insufficiente e le scritture sacre, senza un particolare impegno per intenderle, sono come un forziere chiuso a chiave. Non dobbiamo farci illusioni su questo. E sarà sempre necessario, per mantenere la riconoscibilità nei secoli di certi tratti comuni della nostra fede, sottrarla alla indiscriminata manipolazione da parte delle collettività che la vivono. Insomma, se si vuole mantenere la nostra fede comune, non si potrà mai ammettere che se ne possa fare, nelle sue esperienze storiche, proprio tutto ciò che ciascuna singola collettività vuole, secondo le sue particolari esigenze del momento. Sarà sempre necessari quella particolare figura del capo/pastore con cui si cerca di rendere un’idea di come l’autorità dovrebbe essere esercitata in religione.
 L’esercizio dell’autorità  è un aspetto critico sia tra il clero che tra i laici. Qualche volta, facendo l’esperienza di certo autoritarismo laicale si rimpiange francamente quello del clero.
 L’esercizio dell’autorità in religione non potrà mai dipendere solo da una investitura burocratica, da un ufficio superiore, ma nemmeno dalla sola investitura democratica, dal basso. Sarà sempre necessario, insomma, valutare il profilo per così dire professionale dei candidati, i quali non potranno essere solo degli esecutori di ordini altrui o di rappresentanti dei voleri di determinate collettività. In qualche modo sarà sempre necessaria qualcosa come una abilitazione, come quella che c’è oggi per professioni come quelle del medico o dell’avvocato. Questa è appunto ancora la prassi attuale nell’investitura del clero a uffici religiosi, ma anche, ad esempio, in quella seguita in Azione Cattolica per l’individuazione dei dirigenti dell’associazione, prassi  in cui, ai vari livelli a cominciare dalla presidenza del gruppo parrocchiale, l’assenso demandato alla gerarchia del clero alle nomine ha essenzialmente tale funzione di riconoscimento abilitativo.
 Bisogna anche considerare che l’esercizio dell’autorità in religione, per essere realmente efficace innanzi tutto per generare alla fede, dovrà mantenere certi caratteri di autonomia che solo un certo livello di formazione culturale e di motivazione personale può dare. Autonomia sia verso l’alto che verso il basso, al modo in cui, ad esempio, un medico si occupa del malato con primaria propria personale responsabilità, senza dipendere totalmente da direttive superiori, anche quando lavora inquadrata in un’organizzazione complessa come un ospedale, ma anche, tantomeno, totalmente dalla volontà del paziente, il quale pur volendo essere guarito non ha in sé le risorse per riuscirvi. Sono molto lontane dalla funzione pastorale  che occorre in religione sia il modello del commissario politico, mero organo di trasmissione e controllo al servizio di ideologie propagate da uffici superiori, sia quella del capo-popolo, il capo carismatico di un movimento. Questi modelli li vediamo impersonati talvolta sia da autorità espresse dal clero che da autorità laicali.

Mario Ardigò – Azione Cattolica in San Clemente papa – Roma, Monte Sacro, Valli





Nessun commento:

Posta un commento