Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

giovedì 20 aprile 2017

Tornare in parrocchia

Tornare in parrocchia

  Per ricollegare la parrocchia alle Valli è indispensabile che più gente del quartiere riprenda a frequentarla. Questo è un risultato non facile da ottenere perché la parrocchia è stata troppo a lungo separata da quella gente. Non ci si conosce a sufficienza. Non è ben chiaro che cosa si potrebbe venire a fare da noi. In molti casi si pensa di finire per trovarsi male a causa dei problemi personali che si hanno, in particolare per quelli di famiglia. Che cosa ha a che fare la religione con la vita vera? Le fonti di informazioni disponibili sul tema al grande pubblico, la televisione, il Web, sono piuttosto carenti. Il tempo è sempre poco, non si riesce mai ad approfondire. Si è poco pratici del gergo che viene parlato talvolta tra noi, l’ecclesialese. Ci si è abituati a venire in chiesa  saltuariamente e come andando ad uno spettacolo, con poco coinvolgimento personale e prevalentemente emotivo. Forse si pensa di poter essere criticati per quello che si pensa della religione e della vita. Per alcuni, poiché il tempo della chiesa risale all’infanzia o all’adolescenza, tornare in parrocchia è un po’ come tornare piccoli, regredire, e  temono di ritrovarvi le figure che hanno fatto soffrire quando lo si era veramente. Poi c’è la riluttanza a fornire un impegno continuativo, metodico, sistematico, perché la nostra è un’epoca in cui il sapere sganciarsi  è una risorsa importante, in cui, insomma, si sente particolarmente vero il detto “Chi si ferma è perduto”. E, infine, non di rado  non è tanto il prete   che si teme, ma i laici suoi collaboratori.
  Le difficoltà che incontriamo nel cambiare l’impostazione della vita parrocchiale rimediando ad errori passati sono piuttosto comuni nelle collettività di fede italiane, per cui i nostri successi potranno servire anche ad altri. Ecco una ragione per scriverne sul Web.
  Leggo nell’articolo di Oreste Aime, Trovare nuove vie per testimoniare il Vangelo, pubblicato sull’ultimo numero di Coscienza, la rivista del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale [lo potete leggere sul Web all’indirizzo <http://www.meic.net/index.php?cat=15>]:
“Se è vero che la presenza dei laici si è intensificata (sulla base del modello pastorale articolato in catechesi, liturgia, organizzazioni caritative che di fatto esclude “il mondo”), credo che si possa affermare che in non pochi casi ci sia stata una regressione rispetto persino a quanto avveniva prima del Concilio”.
 La questione della famiglia è molto seria, in particolare tra noi data la passata impostazione: scrive Matteo Truffelli nel suo Credenti inquieti - Laici associati nella Chiesa dell’Evangelii gaudium, edizioni AVE, da poco pubblicato, che nel dare spazio al primato della realtà e della vita bisogna sorreggere le famiglie così come sono, nella realtà, e non una certa idea di famiglia (trascrivo dalla recensione del libro fatta da Andrea Micheli sul numero citato di Coscienza). Da noi mi pare che a lungo si sia partiti invece da una certa di idea di famiglia, per cui coloro che non riuscivano o non ritenevano di impersonarla si sono sentiti criticati e poi esclusi.
 Se noi delle Valli non torniamo in parrocchia, quest’ultima non cambierà. Non illudiamoci. L’esperienza ci insegna che né vescovo né preti possono farla cambiare senza di noi. E la parrocchia può essere un’occasione importante di crescita per tutti, ma in particolare per i più giovani, per i nostri figli e nipoti. Senza la parrocchia non avranno altro posto nel quartiere, a due passi da casa loro, per formarsi collettivamente, per crescere, per arricchirsi delle reciproche esperienze, per collegare scuola e vita e per scoprire così l'utilità di ciò che si pretende imparino, il senso dei loro studi. Ecco una ragione che potrebbe convincere i  loro genitori a tornare tra noi e a impegnarsi. Non ne abbiamo solo nostalgia, ma anche assoluta necessità. Servono forze più giovani per occuparsi dei più giovani. Se però ognuno si occupa solo dei propri  figli, poi non si può attendere che essi trovino un gruppo in cui crescere. E’ possibile invece che ne trovino uno che li mantiene così semplicemente come sono, per cui poi diventeranno degli adulti-bambini. Non si cresce da soli, non si cresce senza inserirsi in relazioni vitali e positive, reali e non solo virtuali, con i più grandi e con gli adulti. La scuola non basta. A volte quando si arriva a convincersene è troppo tardi.
  Certo, il cambiamento comporta dei rischi, trovare strade nuove è sempre un’avventura. Ma rimanendo dove siamo, o addirittura cercando di tornare indietro, non risolveremo nulla: la parrocchia morirà. Essa è fatta per le Valli e senza il quartiere si snaturerà e finirà come corpo sociale vivo. Rimarrà, al più, la casa dei preti  e un monumento alla memoria di ciò che fu, come gli antichi templi che troviamo tra le rovine romane.
 Alcune cose dovrebbero essere messe in chiaro, addirittura scritte,  proclamate, come statuto del cambiamento. Perché altrimenti la nostra gente non tornerà. In definitiva sono i principi fondamentali della nostra Costituzione che dovrebbero essere attuati anche nella vita parrocchiale. Mai umiliare, mai escludere, rispettare la personalità morale altrui, ogni potere sia soggetto a verifica e controllo e debba rispondere in qualche modo alla collettività, ci sia sempre un limite molto chiaro all’intrusione nelle coscienze altrui da parte dei laici, la gente sia coinvolta in qualche modo nelle decisioni comuni, l’uso dei beni comuni non sia arbitrario ma debba seguire certi criteri decisi insieme e soggetti a verifiche periodiche.
  Un’ultima cosa. Negli anni ’50 mio zio Achille si impegnò nel corso di storiche elezioni comunali a Bologna per il suo  partito, la Democrazia Cristiana. Organizzò una grande inchiesta sociale, che sfociò in un Libro bianco  che costituì in definitiva il programma elettorale. Era un sociologo e pensò che per cambiare veramente si dovesse conoscere la gente. Il suo partito non vinse le elezioni, del resto non si aspettava di vincerle, ma quel Libro Bianco  venne preso come riferimento dal partito vincitore, perché non lo si ritenne solo propaganda, ma un’immagine realistica della cittadinanza. Da lì, ad esempio, scaturirono le prime esperienze italiane di decentramento comunale. Dovremmo forse fare qualcosa di simile tra noi, alle Valli. Anni fa fu condotta un’inchiesta del genere: fu pubblicato un libro su di noi [di Bruno Bonomo, Il quartiere delle Valli - Costruire Roma nel secondo dopoguerra, editore Franco Angeli, €21,00, ancora in commercio]. Si potrebbe cercare tra i parrocchiani qualche universitario che volesse ripeterla, ad esempio nel quadro di una tesi di laurea o di dottorato.
Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli

  

Nessun commento:

Posta un commento