Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

mercoledì 5 aprile 2017

Quale comunità?

Quale comunità?

  Negli anni ’70 in Italia si rinnovò profondamente la catechesi, l’attività di formazione alla vita di fede. La si volle rendere aderente ai principi proclamati all’inizio del decennio precedente dai saggi del Concilio Vaticano 2° (1962-1965). In particolare la si volle collegare allo sviluppo di una comunità. In precedenza era prevalentemente un indottrinamento, tanto che, quando si portavano i bambini al primo catechismo, si diceva che andavano a dottrina. C’era un libretto a domande e risposte e imparavano quello. Si insegnava loro come stare a Messa, come confessarsi e ricevere la comunione, ed era più o meno tutto lì, salvo che li si riuscisse a coinvolgere in Azione Cattolica. Di questo processo di rinnovamento non restano, mi pare di capire,  molte tracce nella catechesi che si fa in parrocchia per la prima iniziazione religiosa. D’altra parte il tempo è poco, le scadenze incombono, e non si fa formazione dei catechisti, o, almeno, non la si fa secondo gli indirizzi della Diocesi. E’ fatale il  fai da te e i risultati sono quelli che sono. Poi ci si lamenta che la catechesi tiene poco, che fatta la Prima Comunione  i ragazzi si allontanano e che dopo la Cresima, per quei pochi che vi ci si impegnano, è ancora peggio. Dall’ottobre 2015 le cose stanno cambiando, ma ci vorrà ancora molto tempo e duro lavoro per vedere dei risultati significativi.  Per trent’anni, un tempo lunghissimo, si è seguita un'altra via, che fondamentalmente ricalcava il passato con qualche immaginifica aggiunta. Lo sapevano i nostri Pastori? Dovrebbero dircelo loro, ma io penso di sì. Interventi correttivi, però,  non ce ne sono stati. Abbiamo una complicata burocrazia religiosa che in genere brilla per la sua assenza. Li si invoca, ma hanno sempre tanto altro da fare, la loro agenda è al completo. D’altra parte, chi ha cuore di mettere mano in certi vespai? I maligni dicono che non è così che si fa carriera e, come ha detto l’altro giorno Bergoglio, il carrierismo è una peste anche in religione. Fatto sta che, da noi,  si è lavorato per produrre  e consolidare una comunità di comunità  molto coesa, basata addirittura su legami di sangue e in qualche modo patriarcali, di circa trecento persone, alla quale quasi tutto è stato dedicato, quasi ogni risorsa, l’architettura della parrocchia (costruita con fondi della Diocesi e con cospicue offerte della gente del quartiere), e quasi tutto l’impegno dei preti, e appunto questo si è ottenuto: trecento persone molto legate tra loro con vincoli esplicitamente religiosi, una buona parte delle quali non residenti da noi. Ad un certo punto si è avuto un calo impressionante dei candidati alla Prima Comunione  e allora si è deciso di intervenire, perché, dal punto di vista burocratico, ora come un tempo è questo che conta. Ma chi è stato mandato a rimediare non ha potuto che constatare che il malato, in realtà, era morto da tempo. La parrocchia sopravviveva più che altro come ASL dello spirito, e neanche più tanto bene.
 In religione ci sono diverse idee di comunità. Negli anni ’80 ci si scontrò aspramente su di esse. Fu l’epoca in cui il mondo cambiò e cominciò quello che c’è adesso. La nostra confessione religiosa apparve aver vinto, ma in realtà fu tra i perdenti. Ciò che si produsse fu infatti fondamentalmente estraneo alla visione religiosa. Fu l’epoca in  cui iniziò la svalutazione del lavoro, che si fece sempre più precario e sottopagato, in un processo assecondato dalla politica. Chi rimaneva indietro veniva colpevolizzato: non aveva  meritato. La burocrazia religiosa rimase, in genere, dalla parte con cui da molto tempo aveva solidarizzato, vale a dire quella di chi comandava in politica, ricambiata. Questo processo si interruppe più o meno nel 2009, quando con l’enciclica  Carità nella verità  di Ratzinger troviamo l’inizio di una critica sociale di quel processo, ma non una autocritica naturalmente.  Con Bergoglio si è andati molto più in là: in particolare è iniziata anche l’autocritica.
  Una parrocchia è inviata a un quartiere e, alle Valli, alle circa quindicimila persone di fede che vi abitano. E’ sprecata per sole trecento persone. E lo spreco riguarda anche risorse pubbliche. Infatti in religione dipendiamo quasi esclusivamente da un automatico e ingente finanziamento pubblico, oltre un miliardo di euro l’anno, che dai nostri tributi passa direttamente nella disponibilità della gerarchia. Quest’ultima lo giustifica sostenendo che le nostre collettività di fede svolgono anche una funzione sociale, collaborano con le istituzioni pubbliche. Senza quel finanziamento pubblico faremmo presto bancarotta. Non siamo tenuti, però, a un rendiconto, come invece devono fare, ad esempio, i partiti politici. Se dovessimo farlo, che scriveremmo, sulla nostra parrocchia,  nella relazione che lo accompagna?
  Creare una comunità di quartiere a sfondo religioso richiede un’acculturazione della gente e, innanzi tutto, che essa possa riprendere a frequentare la parrocchia.  Si stanno restaurando i locali parrocchiali, presto ci sarà tanto spazio in più. Ma occorrerà creare un contesto di regole che consenta la coesistenza di realtà che saranno le più diverse, per età, cultura, orientamenti, formazione. Oggi mi pare che si vada e si prenda di propria iniziativa ciò che serve, quando serve, senza parlarne a nessun altro. Chi prima arriva, meglio alloggia, come si suol dire.  Finché si tratta di eventi che coinvolgono di volta in volta poche decine di persone i problemi non sono mai veramente seri, ma potrebbero diventarlo aprendosi al quartiere. Serve una cabina di regia, un’istituzione partecipata che programmi le attività. Dovrebbe essere  condivisa, non si può addossare tutto ai preti e, d’altra parte, essi non dovrebbero nemmeno accentrare troppo.
  La catechesi in questo processo non dovrebbe essere tutto. Ma per fare di più occorre più partecipazione. Se tutta la gente che legge questo blog venisse in parrocchia, avremmo già risolto. Ma probabilmente non vive nemmeno nel quartiere e forse nemmeno a Roma. E’ questo il problema dei contatti esclusivamente telematici: sono veramente virtuali, vale a dire che ci sono e non ci sono. Se non vedo una persona in carne ed ossa, se non posso parlare con lei, se rimane solo una presenza statistica su un contatore internet, non la posso veramente considerare amica. E noi di amici abbiamo bisogno. Non è vero che  siamo stati chiamati amici? La religione via internet non è vera religione e, infatti, forse lo avrete notato, non ne parlo esplicitamente. Rispetto il comandamento del  Non nominare. Venite e vedete, e forse quello che vedrete non vi piacerà, e allora dovrete collaborare a cambiarlo. Se siete genitori e pensate di crescere i vostri figli da noi, lo farete anche nel vostro interesse, nell’interesse delle vostre famiglie.
  Non posso pensare a una comunità se non vedo la gente che dovrebbe parteciparvi. Fatevi vedere, non rimanete una presenza statistica, abbiamo bisogno di voi! Vorrei chiedervi che cosa pensate di fare delle vostre vite e di quelle dei vostri figli. Dicono che i nostri ragazzi staranno peggio dei loro genitori. Possiamo rassegnarci a una cosa come questa? Si può fare qualcosa collettivamente? Da soli, senz’altro no, occorre unirsi, lavorare insieme. Si può partire dal nostro quartiere che sta manifestando molti seri problemi, non ultimo quello della criminalità.
Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli




Nessun commento:

Posta un commento