Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

martedì 4 aprile 2017

Impegno collettivo

Impegno collettivo


  Negli ultimi anni sono arrivate nel quartiere molte nuove famiglie, si vedono in giro nuovamente i bambini. E’ qui, da noi alle Valli, che hanno deciso di far crescere i loro figli. Saranno ragazzini delle Valli e per loro non sarà indifferente il luogo, il quartiere dove cresceranno. Ma anche il suo ambiente sociale. Ne saranno per sempre influenzati, anche da adulti rimarranno dei ragazzini delle Valli. E da genitori tenderanno a riproporre o a proporre rovesciate le esperienze che avranno fatto qui da noi. Si parla, a volte, di quartieri dormitorio, e sono quei posti dove si torna solo la sera, dopo il lavoro, perché si ha casa lì. Ma a Roma nessun quartiere è veramente così, tutti esprimono, per così dire, una propria anima: in alcuni questo è più sensibile, in altri meno, ma generalmente è così. In alcuni posti si vive male, lì possiamo dire che c’è un’anima cattiva. Non dipende, naturalmente solo dalla cattiveria degli esseri umani, ma da molti altri fattori. Certamente alcuni nuovi quartieri di Roma, dove la gente, soprattutto i più giovani, compra a caro prezzo le case, hanno molti problemi, ad esempio si presentano come territorialmente emarginati dal resto della città. Sono le nuove città  di cui si scriveva l’altro giorno nella cronaca cittadina del quotidiano che compro. La situazione, però, può rapidamente migliorare con uno sforzo collettivo. L’esperienza lo conferma. Ma, senza uno sforzo collettivo, può anche rapidamente peggiorare. Ad esempio, alle Valli, negli ultimi anni si è fatta più sensibile la presenza della criminalità: sono stati commessi diversi omicidi. A parte i baretti  e i pochi ristoranti non c’è un posto dove incontrarsi e stare insieme, salvo la parrocchia. I giardini al centro di via Val Padana hanno avuto un assetto architettonico che scoraggia e sono anche tenuti molto male. Non c’è un’azione di volontariato per difenderli. L’ovale davanti alla parrocchia, che sarebbe dovuto essere una specie di piazza del quartiere, dove convenire e incontrarsi, è diventato uno sconnesso parcheggio. Dove vanno i ragazzi per incontrarsi? Che occasioni hanno per crescere bene? Alla fine, bisogna mandarli da un’altra parte, impegnarli in attività a pagamento, lo sport, la musica, il corso di lingue e via dicendo. Ma dove troveranno quegli amici che sono tanto importanti soprattutto nell’adolescenza, quando si imposta la propria vita e si sceglie il tipo di studi in cui impegnarsi?
  Negli anni ’70, in parrocchia, a cose come queste ci si pensava. Poi, per un tempo lunghissimo si è gettata la spugna, ci si è scoraggiati. Ora che fervono i lavori di ristrutturazione degli locali del complesso parrocchiale, ci accorgiamo di quanti ambienti sono stati progressivamente dismessi. Erano quelli in cui io, da bambino, da ragazzino delle elementari, andavo tutti i pomeriggi per giocare con gli altri che con me frequentavano le elementari a piazza Capri. Mia madre mi ci mandava da solo: allora un bambino delle elementari poteva girare da solo per le strade del quartiere. Oggi non più. Per avere strade in cui un bambino possa girare da solo bisogna pagare molto di più, acquistare la casa in certi quartieri esclusivi e protetti. Quello che una volta era alla portata di tutti, ora è un privilegio di pochi. Cambiare si può però, ma c’è bisogno di un impegno collettivo, di un’azione di volontariato. La soluzione non verrà dal Comune, che ha sempre meno soldi da spendere in azioni sociali. E’ in fondo l’indicazione che si dà nell’enciclica Laudato si’ che, trattando di ecologia sociale, si riferisce appunto a questo: consiste anche in questo l’aver cura della casa comune. Si tratta di un testo che bisognerebbe portare sempre con sé, ed ora, con gli smartphone, lo si può fare. E’ intenso, ma scritto in termini accessibili ai più. Richiede di essere sviluppato, verificato, ci si può e si deve ragionarci sopra. Riguarda la vita concreta della gente e, in questo, si distacca dalla gran parte della letteratura del suo genere. Per la prima volta, mi pare, chiama a un impegno collettivo nel campo del miglioramento sociale, non si limita a fare la predica ai governanti. Dà credito alla capacità della gente di cambiare il corso degli eventi.

Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli.

Nessun commento:

Posta un commento