Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

domenica 23 aprile 2017

Scuola popolare di pensiero sociale

Scuola popolare di pensiero sociale

Il Signore oscuro  della saga del Signore degli Anelli. Non c'è nulla di oscuro  o di magico  nel potere del mercato globale: è un prodotto totalmente umano, a cui tutti noi partecipiamo come attori, fin da molto piccoli. Se vogliamo conoscerne il volto, possiamo guardarci allo specchio e lo vedremo. 


 L’enciclica Laudato si’  può essere utilizzata come libro di testo di una scuola popolare di pensiero e di  azione sociale. E’ infatti un documento molto diverso dalla letteratura pontificia precedente del genere dichiarato dal suo autore, l’enciclica appunto. Riassume idee correnti sulle cause delle sofferenze sociali contemporanee, accreditandone alcune. Si rivolge alle masse ed è scritta in lingua corrente. E’ materiale che è naturalmente soggetto a verifica. Non basta che venga da fonte autorevole per condividerne l’impostazione. Quest’ultima non deriva per via di deduzione logica da una dottrina teologica, dalle cose della fede. La fede non ha la soluzione dei mali sociali di oggi, ma può individuarli perché fanno soffrire. La sofferenza è una produzione sociale e può essere corretta. Per capire la via migliore bisogna rifletterci molto su, insieme, collettivamente, in ogni realtà sociale. Questo benché molti pensino che non ci si possa fare nulla perché si tratta di fenomeni su scala troppo grande, addirittura mondiale. E’ appunto la scala su cui ragiona l’autore dell’enciclica.
   Nella Laudato si’  non ci si estenua su polemiche dottrinali che erano ancora  piuttosto evidenti in un altro recente documento del nostro pensiero sociale, l'enciclica Carità nella verità, del 2009. Non si fa una lezione di etica ai  governanti. C’è un appello alla mobilitazione popolare, di massa, per cambiare una società che, a livello mondiale, causa sofferenza e mette a rischio la sopravvivenza dell’umanità. Siamo tutti invitati a cambiare i nostri stili di vita, ma non tanto per meritare  sul piano religioso, quanto  per esercitare una sana pressione su coloro che detengono  il potere politico, economico e sociale, e, così facendo, salvare il mondo, visto come casa comune. Ecco dove se ne parla, un punto molto importante del documento:
206. Un cambiamento negli stili di vita potrebbe arrivare ad esercitare una sana pressione su coloro che detengono il potere politico, economico e sociale. È ciò che accade quando i movimenti dei consumatori riescono a far sì che si smetta di acquistare certi prodotti e così diventano efficaci per modificare il comportamento delle imprese, forzandole a considerare l’impatto ambientale e i modelli di produzione. È un fatto che, quando le abitudini sociali intaccano i profitti delle imprese, queste si vedono spinte a produrre in un altro modo. Questo ci ricorda la responsabilità sociale dei consumatori. «Acquistare è sempre un atto morale, oltre che economico». Per questo oggi «il tema del degrado ambientale chiama in causa i comportamenti di ognuno di noi».
 Riesce difficile alla gente comune  capire chi comanda  il mondo e, dunque, con chi ce la si debba prendere per ciò che genera sofferenza. Si scrive di  potere globale, di  multinazionali,  da noi di  Europa, insomma qualcosa di impersonale che domina le nostre vite senza che si possa fare  nulla per reagire, se non tentare di scamparla volta per volta. Scoppia la rabbia, si scende in piazza per manifestarla, ma nessuno dei potenti che vorremmo trascinare davanti ad una specie di tribunale del popolo accetta di venire a rispondere. Tutti si dicono nelle nostre stesse condizioni. Da ultimo il maligno  viene indicato nel mercato, che dispoticamente può distruggere in un attimo le nostre vite, o, al contrario, trasformarle in meglio a livelli inimmaginabili. Ma il mercato  non ha nulla di soprannaturale. E’ fatto di norme giuridiche e di una massa di attori che si scambia dei beni. Chi compra e chi vende. Anche il lavoro di ciascuno di noi. Sono le norme giuridiche che consentono lo scambio: sono il frutto di accordi internazionali. Negli scambi ci sono parti forti e parti deboli e le parti forti fanno il prezzo. Sono forti le parti che hanno il potere di negare agli altri beni molto ambiti, perché molto necessari o per alti motivi. Questo potere è assegnato dalle norme giuridiche. Ci sono due modi di incidere sulle dinamiche di mercato: cambiare le norme giuridiche e fronteggiare le parti forti con un’azione di massa. Sono le strategie che nella seconda metà del Novecento hanno molto migliorato le posizioni dei lavoratori dipendenti in Occidente. Funzionerebbero certamente anche per correggere il mercato. Ma ci sono due nuovi problemi. Noi stessi, masse di consumatori Occidentali, siamo le parti forti. Dunque dovremmo fare autocritica e cambiare le nostre abitudini di vita, sentirci responsabili per le sofferenze che generiamo. Ma tra le nostre condotte sul mercato e quelle delle multinazionali non ci sono vere differenze; abbiamo interessi comuni e resistiamo nello stesso modo e per gli stessi motivi al cambiamento; rifiutiamo di sentirci responsabili delle sofferenze altrui che generano vantaggi per noi, ad esempio consentendoci di acquistare a prezzi molto bassi merci di uso quotidiano.  Inoltre, poiché i problemi sono globali, dovremmo muoverci su scala globale. Invece pensiamo di risolvere i nostri guai rinchiudendoci, serrandoci dietro antiquate frontiere, in sistemi politici che non hanno la forza di cambiare le norme giuridiche che regolano il  mercato.
  Quelli a cui ho accennato sono problemi che hanno un valore anche religioso, perché riguardano la sopravvivenza dell’umanità e la sofferenze di immense moltitudini. Questo richiede di occuparsene anche nelle nostre collettività di fede, arricchendo di molto il nostro pensiero sociale, per comprendere meglio le società del nostro tempo, e ponendo al centro delle nostre attività.  Adesso la dottrina sociale  è un settore complementare, non ritenuto essenziale nella formazione alla fede, in cui infatti se ne parla poco e quindi se ne sa poco. In parrocchia tutto ruota intorno a liturgia, catechesi, carità, i classici settori dell’impegno religioso. Il ramo  “Presenza nel mondo”   è poco curato, in particolare dove si teme molto di esserne contaminati. “Grande è la posta in gioco”, scrive l’autore della Laudato si’, “ e abbiamo bisogno di controllarci e di educarci l’un l’altro” [n.214]. E anche: “Tutte le comunità cristiane hanno un ruolo importante da compiere in questa educazione”.
  Quando cominciare? Da molto presto e dai molto piccoli. La realtà del mercato globale  irrompe veramente precocemente nella vita delle persone: quando a un bimbo capita tra le mani il suo primo telefono cellulare egli inizia ad essere un attore nel mercato globale. La prima educazione è quella di capire quanta sofferenza generano le nostre azioni quotidiane e quanta sofferenza inglobano le cose che sono sul mercato, ed averne compassione. Sembra facile, ma non lo è, perché ad un certo punto sono necessarie delle rinunce. E’ il nostro stile di vita di Occidentali che va mutato. E’ qualcosa per cui tutti i presidenti statunitensi, senza eccezione, si sono detti disposti a far guerra. In Europa è un po’ diverso perché la classe dirigente della politica europea in genere di certe cose ad un certo punto si è cominciata a vergognare, questo perché in Europa ci si è tanto combattuti per difendere stili di vita contrastanti che divenivano incompatibili perché tenuti a poche distanze gli uni dagli altri, per cui, ad un certo punto, non si poteva proprio fare a meno di eliminare gli altri. Le due guerre mondiali del Novecento ci hanno molto cambiato in Europa, si è iniziato ad avere orrore di tutta quella violenza.  Il processo di unificazione europea è stata l’espressione della concreta volontà di cambiare le cose. Quando lo si è voluto, e finché lo si  è voluto, ci si è riusciti. L’Europa, una politica continentale, ha le dimensioni giuste per incidere sul  mercato globale.
  Di seguito incollo un brano molto importante della Laudato si’. Lavoriamoci un po’ su in questo lungo ponte primaverile che si conclude con la festa della Liberazione, un compito sempre attuale, di generazione in generazione.
Mario Ardigò  - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli

 *********************************************************************

IV. POLITICA ED ECONOMIA IN DIALOGO PER LA PIENEZZA UMANA
189. La politica non deve sottomettersi all’economia e questa non deve sottomettersi ai dettami e al paradigma efficientista della tecnocrazia. Oggi, pensando al bene comune, abbiamo bisogno in modo ineludibile che la politica e l’economia, in dialogo, si pongano decisamente al servizio della vita, specialmente della vita umana. Il salvataggio ad ogni costo delle banche, facendo pagare il prezzo alla popolazione, senza la ferma decisione di rivedere e riformare l’intero sistema, riafferma un dominio assoluto della finanza che non ha futuro e che potrà solo generare nuove crisi dopo una lunga, costosa e apparente cura. La crisi finanziaria del 2007-2008 era l’occasione per sviluppare una nuova economia più attenta ai principi etici, e per una nuova regolamentazione dell’attività finanziaria speculativa e della ricchezza virtuale. Ma non c’è stata una reazione che abbia portato a ripensare i criteri obsoleti che continuano a governare il mondo. La produzione non è sempre razionale, e spesso è legata a variabili economiche che attribuiscono ai prodotti un valore che non corrisponde al loro valore reale. Questo determina molte volte una sovrapproduzione di alcune merci, con un impatto ambientale non necessario, che al tempo stesso danneggia molte economie regionali. La bolla finanziaria di solito è anche una bolla produttiva. In definitiva, ciò che non si affronta con decisione è il problema dell’economia reale, la quale rende possibile che si diversifichi e si migliori la produzione, che le imprese funzionino adeguatamente, che le piccole e medie imprese si sviluppino e creino occupazione, e così via.
190. In questo contesto bisogna sempre ricordare che «la protezione ambientale non può essere assicurata solo sulla base del calcolo finanziario di costi e benefici. L’ambiente è uno di quei beni che i meccanismi del mercato non sono in grado di difendere o di promuovere adeguatamente». Ancora una volta, conviene evitare una concezione magica del mercato, che tende a pensare che i problemi si risolvano solo con la crescita dei profitti delle imprese o degli individui. È realistico aspettarsi che chi è ossessionato dalla massimizzazione dei profitti si fermi a pensare agli effetti ambientali che lascerà alle prossime generazioni? All’interno dello schema della rendita non c’è posto per pensare ai ritmi della natura, ai suoi tempi di degradazione e di rigenerazione, e alla complessità degli ecosistemi che possono essere gravemente alterati dall’intervento umano. Inoltre, quando si parla di biodiversità, al massimo la si pensa come una riserva di risorse economiche che potrebbe essere sfruttata, ma non si considerano seriamente il valore reale delle cose, il loro significato per le persone e le culture, gli interessi e le necessità dei poveri.
191. Quando si pongono tali questioni, alcuni reagiscono accusando gli altri di pretendere di fermare irrazionalmente il progresso e lo sviluppo umano. Ma dobbiamo convincerci che rallentare un determinato ritmo di produzione e di consumo può dare luogo a un’altra modalità di progresso e di sviluppo. Gli sforzi per un uso sostenibile delle risorse naturali non sono una spesa inutile, bensì un investimento che potrà offrire altri benefici economici a medio termine. Se non abbiamo ristrettezze di vedute, possiamo scoprire che la diversificazione di una produzione più innovativa e con minore impatto ambientale, può essere molto redditizia. Si tratta di aprire la strada a opportunità differenti, che non implicano di fermare la creatività umana e il suo sogno di progresso, ma piuttosto di incanalare tale energia in modo nuovo.
192. Per esempio, un percorso di sviluppo produttivo più creativo e meglio orientato potrebbe correggere la disparità tra l’eccessivo investimento tecnologico per il consumo e quello scarso per risolvere i problemi urgenti dell’umanità; potrebbe generare forme intelligenti e redditizie di riutilizzo, di recupero funzionale e di riciclo; potrebbe migliorare l’efficienza energetica delle città; e così via. La diversificazione produttiva offre larghissime possibilità all’intelligenza umana per creare e innovare, mentre protegge l’ambiente e crea più opportunità di lavoro. Questa sarebbe una creatività capace di far fiorire nuovamente la nobiltà dell’essere umano, perché è più dignitoso usare l’intelligenza, con audacia e responsabilità, per trovare forme di sviluppo sostenibile ed equo, nel quadro di una concezione più ampia della qualità della vita. Viceversa, è meno dignitoso e creativo e più superficiale insistere nel creare forme di saccheggio della natura solo per offrire nuove possibilità di consumo e di rendita immediata.
193. In ogni modo, se in alcuni casi lo sviluppo sostenibile comporterà nuove modalità per crescere, in altri casi, di fronte alla crescita avida e irresponsabile che si è prodotta per molti decenni, occorre pensare pure a rallentare un po’ il passo, a porre alcuni limiti ragionevoli e anche a ritornare indietro prima che sia tardi. Sappiamo che è insostenibile il comportamento di coloro che consumano e distruggono sempre più, mentre altri ancora non riescono a vivere in conformità alla propria dignità umana. Per questo è arrivata l’ora di accettare una certa decrescita in alcune parti del mondo procurando risorse perché si possa crescere in modo sano in altre parti. Diceva Benedetto XVI che «è necessario che le società tecnologicamente avanzate siano disposte a favorire comportamenti caratterizzati dalla sobrietà, diminuendo il proprio consumo di energia e migliorando le condizioni del suo uso».
194. Affinché sorgano nuovi modelli di progresso abbiamo bisogno di «cambiare il modello di sviluppo globale»,  la qual cosa implica riflettere responsabilmente «sul senso dell’economia e sulla sua finalità, per correggere le sue disfunzioni e distorsioni». Non basta conciliare, in una via di mezzo, la cura per la natura con la rendita finanziaria, o la conservazione dell’ambiente con il progresso. Su questo tema le vie di mezzo sono solo un piccolo ritardo nel disastro. Semplicemente si tratta di ridefinire il progresso. Uno sviluppo tecnologico ed economico che non lascia un mondo migliore e una qualità di vita integralmente superiore, non può considerarsi progresso. D’altra parte, molte volte la qualità reale della vita delle persone diminuisce – per il deteriorarsi dell’ambiente, la bassa qualità dei prodotti alimentari o l’esaurimento di alcune risorse – nel contesto di una crescita dell’economia. In questo quadro, il discorso della crescita sostenibile diventa spesso un diversivo e un mezzo di giustificazione che assorbe valori del discorso ecologista all’interno della logica della finanza e della tecnocrazia, e la responsabilità sociale e ambientale delle imprese si riduce per lo più a una serie di azioni di marketing e di immagine.
195. Il principio della massimizzazione del profitto, che tende ad isolarsi da qualsiasi altra considerazione, è una distorsione concettuale dell’economia: se aumenta la produzione, interessa poco che si produca a spese delle risorse future o della salute dell’ambiente; se il taglio di una foresta aumenta la produzione, nessuno misura in questo calcolo la perdita che implica desertificare un territorio, distruggere la biodiversità o aumentare l’inquinamento. Vale a dire che le imprese ottengono profitti calcolando e pagando una parte infima dei costi. Si potrebbe considerare etico solo un comportamento in cui «i costi economici e sociali derivanti dall’uso delle risorse ambientali comuni siano riconosciuti in maniera trasparente e siano pienamente supportati da coloro che ne usufruiscono e non da altre popolazioni o dalle generazioni future». La razionalità strumentale, che apporta solo un’analisi statica della realtà in funzione delle necessità del momento, è presente sia quando ad assegnare le risorse è il mercato, sia quando lo fa uno Stato pianificatore.
196. Qual è il posto della politica? Ricordiamo il principio di sussidiarietà, che conferisce libertà per lo sviluppo delle capacità presenti a tutti i livelli, ma al tempo stesso esige più responsabilità verso il bene comune da parte di chi detiene più potere. È vero che oggi alcuni settori economici esercitano più potere degli Stati stessi. Ma non si può giustificare un’economia senza politica, che sarebbe incapace di propiziare un’altra logica in grado di governare i vari aspetti della crisi attuale. La logica che non lascia spazio a una sincera preoccupazione per l’ambiente è la stessa in cui non trova spazio la preoccupazione per integrare i più fragili, perché «nel vigente modello “di successo” e “privatistico”, non sembra abbia senso investire affinché quelli che rimangono indietro, i deboli o i meno dotati possano farsi strada nella vita».
197. Abbiamo bisogno di una politica che pensi con una visione ampia, e che porti avanti un nuovo approccio integrale, includendo in un dialogo interdisciplinare i diversi aspetti della crisi. Molte volte la stessa politica è responsabile del proprio discredito, a causa della corruzione e della mancanza di buone politiche pubbliche. Se lo Stato non adempie il proprio ruolo in una regione, alcuni gruppi economici possono apparire come benefattori e detenere il potere reale, sentendosi autorizzati a non osservare certe norme, fino a dar luogo a diverse forme di criminalità organizzata, tratta delle persone, narcotraffico e violenza molto difficili da sradicare. Se la politica non è capace di rompere una logica perversa, e inoltre resta inglobata in discorsi inconsistenti, continueremo a non affrontare i grandi problemi dell’umanità. Una strategia di cambiamento reale esige di ripensare la totalità dei processi, poiché non basta inserire considerazioni ecologiche superficiali mentre non si mette in discussione la logica soggiacente alla cultura attuale. Una politica sana dovrebbe essere capace di assumere questa sfida.
198. La politica e l’economia tendono a incolparsi reciprocamente per quanto riguarda la povertà e il degrado ambientale. Ma quello che ci si attende è che riconoscano i propri errori e trovino forme di interazione orientate al bene comune. Mentre gli uni si affannano solo per l’utile economico e gli altri sono ossessionati solo dal conservare o accrescere il potere, quello che ci resta sono guerre o accordi ambigui dove ciò che meno interessa alle due parti è preservare l’ambiente e avere cura dei più deboli. Anche qui vale il principio che «l’unità è superiore al conflitto».


Nessun commento:

Posta un commento