Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1700 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

mercoledì 15 novembre 2017

Politica internazionale: noi e gli Stati Uniti

Politica internazionale: noi e gli Stati Uniti

dal WEB. Maggio 2017: incontro tra il presidente statunitense Donald Trump e  papa Francesco

  Ho osservato questo nella mia vita: i capi politici italiani emergenti vanno negli Stati Uniti d’America a presentarsi. Nessuna svolta politica nazionale è infatti mai stata possibile in Italia senza l’assenso dei governi statunitensi. E nella valutazione della politica italiana da parte di questi ultimi ha sempre avuto una certa rilevanza la posizione del Papato, e questo fino all’inizio del regno di papa Francesco. Attualmente, infatti, sul piano politico il Presidente statunitense e il Papa appaiono come l’uno l’anti-  dell’altro: le loro posizioni divergono radicalmente. Il primo mostra di conoscere poco le questioni italiane, il secondo conosce molto bene quelle americane e non mostra di apprezzare particolarmente il primo. Nel maggio scorso Trump è venuto a Roma ed è andato dal Papa in Vaticano. La foto qui sopra è stata scattata dopo il colloquio che ha avuto con il Papa. Appare manifesto, dal volto dei protagonisti dell’incontro, il differente loro umore.
  Dunque: Governo statunitense e Papato sono stati, ma ancora sono, poteri chiave per ottenere il via libera nella politica nazionale in Italia. L’Italia è, da punto di vista strategico, della politica militare degli Stati Uniti, irrinunciabile: gli statunitensi vi hanno basi militari molto importanti in cui tengono anche armi nucleari. E lo è diventata ancora di più oggi, dati i problemi che gli statunitensi hanno con il Governo turco. La forza politica del Papato verso gli statunitensi risiede nel fatto che i cattolici statunitensi sono un’importante gruppo politico, critico per la conquista del potere presidenziale. Ora si manifestano in genere avversi alla politica papale, vale a dire all’attuale dottrina sociale e al pensiero sociale che vi è contenuto, ma fino al regno di Joseph Ratzinger, Benedetto 16° in religione non è stato così.
  I viaggi di presentazione negli Stati Uniti d’America sono cominciati con quello del presidente del Consiglio dei ministri Alcide De Gasperi nel gennaio 1947. Negli Stati Uniti d’America il presidente era Harry Truman. La posizione di De Gasperi era molto difficile non solo per il fatto che l’Italia aveva perso la guerra iniziata dal regime fascista e combattuta anche contro gli statunitensi. Ma anche perché il Governo degli Stati Uniti, dopo aver combattuto la guerra alleandosi con l’Unione Sovietica comunista dominata da Iosif Stalin, si stava contrapponendo duramente ad essa dal punto di vista ideologico, politico, militare ed economico. Il mondo si andava dividendo in due blocchi, quello egemonizzato dagli Stati Uniti d’America e quello che lo era dall’Unione Sovietica: bisognava scegliere, o di qua o di là. E, per il Governo statunitense, l’Italia doveva piazzarsi nel blocco dominato dagli Stati Uniti. Il problema è che la guerra e la rivoluzione contro il fascismo e la costruzione della nuova Repubblica democratica era stata condotto in Italia da tutte le forze di orientamento democratico, compresi i comunisti che seguivano gli orientamenti politici del comunismo sovietico. Al tempo della visita di De Gasperi in Italia, il Partito comunista italiano era nella maggioranza di governo e vi aveva uomini suoi, in particolare i ministri della Giustizia, Fausto Gullo, delle Finanze, Mauro Scoccimarro, dell’Assistenza post-bellica, Emilio Sereni. Era vice-presidente del Consiglio il socialista Pietro Nenni e i socialisti all’epoca erano di orientamento marxista. La collaborazione dei comunisti e socialisti nei governi a guida De Gasperi finì pochi mesi dopo quel viaggio negli Stati Uniti d’America,  nel giugno 1947. Nel 1949 l’Italia aderì alla NATO, il trattato di alleanza politica e militare con gli Stati Uniti d’America che la situava nel blocco  egemonizzato da questi ultimi. Dal giugno 1947 l’Italia beneficiò di imponenti aiuti economici statunitensi nel quadro del cosiddetto Piano Marshall, dal nome del Segretario di stati (=ministro degli esteri) statunitense dell’epoca: si trattò di un fattore decisivo per la ripresa dell’economia italiana dopo le distruzioni della guerra.
 I comunisti tornarono a sostenere un governo nazionale, prima non votandogli contro (astenendosi sulla fiducia) e poi votando a favore della fiducia, tra il 1976 e il marzo 1979, ma senza avere persone sue come ministri.  Si trattò di governi con ministri solo democristiani. I governi che ottennero la fiducia dei comunisti furono guidati da Giulio Andreotti, politico gradito sia al Governo statunitense che al Papato. Aldo Moro, che aveva negoziato con i comunisti il loro appoggio al governo e poi presieduto il primo governo che si era avvalso della loro non sfiducia, fu rapito e ucciso dalle brigate rosse nel 1978.
   Nel corso degli anni ’80 un altro politico emergente, il socialista Bettino Craxi, presidente del Consiglio dal 1983, fece un delicato viaggio negli Stati Uniti d’America. Era il 1985 e presidente statunitense era il repubblicano Ronald Reagan. Lo accompagnava il ministro degli esteri Giulio Andreotti. L’anno prima Craxi aveva firmato, in rappresentanza della Repubblica italiana, l’Accordo di revisione del Concordato Lateranense negoziato con la Santa Sede. La Santa Sede fu rappresentata in quell’occasione dal Segretario di Stato Agostino Casaroli. Qui sotto  potete vedere una foto dell’evento.



Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli

Nessun commento:

Posta un commento