Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1700 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

domenica 12 novembre 2017

1956, Bologna: una politica diversa

1956, Consiglio comunale di Bologna, da sinistra: Giuseppe Dossetti, mio zio Giovanni Battista Cavallaro e il sindaco Giuseppe Dozza.  Dal WEB: http://www.dossetti.eu/

   Giuseppe Dossetti fu una figura molto importante tra i cattolici democratici italiani. Nel 1956, su richiesta dell'arcivescovo Giacomo Lercaro, si impegnò nelle elezioni politiche comunali a Bologna. Ebbe l'aiuto, tra molti altri, di due miei zii, entrambi all'epoca giornalisti: Achille Ardigò e Giovanni Battista Cavallaro, anche loro cattolici democratici. Mio zio Achille, in particolare, era anche sociologo e contribuì ad organizzare la campagna elettorale come un'inchiesta sociale, per conoscere meglio la città e i suoi cittadini. Ne uscirono proposte che in parte furono apprezzate e sviluppate dall'amministrazione del sindaco Dozza, che era di opposto orientamento. Nel duro clima della guerra fredda, della contrapposizione ideologica e militare tra i due blocchi contrapposti che facevano capo agli Stati Uniti d'America e all'Unione Sovietica,  tra  Occidentali  e Orientali, capitalisti  e  comunisti, nella Bologna di allora si praticò la tolleranza, il dialogo e la stima reciproca,  nell'interesse di tutti, secondo un metodo che era stato avviato durante la guerra di Resistenza. I frutti furono buoni. La città di Bologna - lo dicono quasi tutti - fu ben amministrata ed era piacevole vivervi. Dossetti, Ardigò e Cavallaro sapevano che avrebbero perso  le elezioni, perché gli altri erano troppo forti. Lo si sapeva fin dall'inizio. Dozza era molto amato dai bolognesi. Furono eletti in Consiglio comunale e lavorarono assiduamente nell'interesse della città. Dai racconti che mio zio Achille mi faceva di quell'epoca, mi parve di capire che, in definitiva, nessuno avesse veramente perso.
Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli

Nessun commento:

Posta un commento