Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.

Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.

Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.

Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".

L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.

Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1700 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").

GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.

Scrivo per dare motivazioni ragionevoli all’impegno sociale. Lo faccio secondo l’ideologia corrente dell’Azione Cattolica, che opera principalmente in quel campo, e secondo la mia ormai lunga esperienza di vita sociale. Quindi nell’ordine di idee di una fede religiosa, dalla quale l’Azione Cattolica trae i suoi più importanti principi sociali, ma senza fare un discorso teologico, non sono un teologo, e nemmeno catechistico, di introduzione a quella fede. Secondo il metodo dell’Azione Cattolica cerco di dare argomenti per una migliore consapevolezza storica e sociale, perché per agire in società occorre conoscerla in maniera affidabile. Penso ai miei interlocutori come a persone che hanno finito le scuole superiori, o hanno raggiunto un livello di cultura corrispondente a quel livello scolastico, e che hanno il tempo e l’esigenza di ragionare su quei temi. Non do per scontato che intendano il senso della terminologia religiosa, per cui ne adotto una neutra, non esplicitamente religiosa, e, se mi capita di usare le parole della religione, ne spiego il senso. Tengo fuori la spiritualità, perché essa richiede relazioni personali molto più forti di quelle che si possono sviluppare sul WEB, cresce nella preghiera e nella liturgia: chi sente il desiderio di esservi introdotto deve raggiungere una comunità di fede. Può essere studiata nelle sue manifestazioni esteriori e sociali, come fanno gli antropologi, ma così si rimane al suo esterno e non la si conosce veramente.

Cerco di sviluppare un discorso colto, non superficiale, fatto di ragionamenti compiuti e con precisi riferimenti culturali, sui quali chi vuole può discutere. Il mio però non è un discorso scientifico, perché di quei temi non tratto da specialista, come sono i teologi, gli storici, i sociologi, gli antropologi e gli psicologi: non ne conosco abbastanza e, soprattutto, non so tutto quello che è necessario sapere per essere un specialista. Del resto questa è la condizione di ogni specialista riguardo alle altre specializzazioni. Le scienze evolvono anche nelle relazioni tra varie specializzazioni, in un rapporto interdisciplinare, e allora il discorso colto costituisce la base per una comune comprensione. E, comunque, per gli scopi del mio discorso, non occorre una precisione specialistica, ma semmai una certa affidabilità nei riferimento, ad esempio nella ricostruzione sommaria dei fenomeni storici. Per raggiungerla, nelle relazioni intellettuali, ci si aiuta a vicenda, formulando obiezioni e proposte di correzioni: in questo consiste il dialogo intellettuale. Anch’io mi valgo di questo lavoro, ma non appare qui, è fatto nei miei ambienti sociali di riferimento.

Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.

Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

sabato 9 dicembre 2017

La triste situazione del lavoro dipendente in Italia

La triste situazione del lavoro dipendente in Italia


 Un politico affidabile distinguerà bene i nuovi posti di lavoro  dai posti di lavoro in più. Non sono la stessa cosa.
 Un nuovo  posto di lavoro è un nuovo contratto di lavoro dipendente. Non significa però necessariamente un lavoratore in più. Può trattarsi del medesimo lavoratore che perde un posto di lavoro e ne trova un altro. E' la differenza tra i posti di lavoro nuovi  e quelli persi che fa la differenza e segna il successo di una politica per l'aumento dell'occupazione, per capire se ha prodotto posti di lavoro in più. Ma è anche molto importante il numero complessivo dei lavoratori. E non è detto che il nuovo  posto di lavoro sia equivalente a quello perso, ad esempio nel caso che il primo sia tempo determinato, quindi precario, e l’altro fosse a tempo indeterminato, senza fissazione di una scadenza, quindi più stabile. Nel nostro diritto del lavoro, ai tempi nostri, un rapporto di lavoro a tempo indeterminato nel settore privato non significa che sia un rapporto che possa  essere sciolto dal datore di lavoro con particolari difficoltà. Salvo che in pochi casi molto circoscritti e per i rapporti di lavoro conclusi vigente la vecchia normativa, anche nel caso di rapporto di lavoro a tempo indeterminato si può licenziare, pagando una penale. E i giudici non hanno il potere di imporre al datore di lavoro di far tornare a lavorare il lavoratore licenziato ingiustamente. Lo consente una legge sul lavoro entrata in vigore nel 2015. Con essa sono stati resi meno stabili i rapporti di lavoro a tempo indeterminato, per incentivare l’occupazione. Questo però, dicono le statistiche che sotto riporto, da La Repubblica, di ieri, nel 2017 si prevede che vi saranno circa diecimila rapporti di lavoro a tempo indeterminato in meno. Nel 2015 e 2016 era andata meglio perché, insieme alle modifiche delle tutele del rapporto di lavoro, erano previsti ulteriori incentivi pubblici per chi assumeva, che ora sono finiti.
 Nel 2014, poi, un’altra legge aveva consentito di concludere contratti di lavoro a tempo determinato con più libertà, senza dover indicare espressamente il motivo per cui si sceglieva questa forma.  Ora si osserva un forte aumento di questi tipi di contratti, precari in quanto a termine. Riferisce l’articolo qui sotto che il Ministero del lavoro ha calcolato che nel terzo trimestre del 2007, su quasi 2,8 milioni di  nuovi  contratti, 2 milioni circa sono a termine, precari, e meno di mezzo milione quelli a tempo indeterminato.
 Quanti dei nuovi  rapporti di lavoro, a tempo indeterminato con le nuove regole e a tempo determinato, sono la trasformazione di precedenti rapporti a tempo indeterminato con le vecchie regole, quindi più stabili? In altre parole: quanti lavoratori sono passati da rapporti di lavoro più stabile a rapporti meno stabili o precari?
 Si osserva nell’articolo qui sotto: “Ci sono ancora quasi 3 milioni di disoccupati, l’11,2%. E il tasso di occupazione al 58% è tra i più bassi d’Europa, dove il tasso medio è al 71,1%. E alimentato da mesi ormai quasi esclusivamente da occupazioni precarie. Come i 79 mila posti creati tra luglio e settembre sul trimestre precedente: il risultato, dice ancora l’ISTAT, di 101 a tempo, indeterminati stazionari e autonomi in calo”.
  Le politiche del lavoro dal 2014 non possono essere presentate quindi in termini trionfalistici da un politico affidabile. Può essere che si sia fatto il possibile e che non si potesse fare di più. Ma certamente il risultato è quello che è, sostanzialmente negativo in termini di aumento dell’occupazione totale e, soprattutto, di tipi di occupazione, in quanto, nei  nuovi posti,  tendono a prevalere quelli meno stabili, a termine.  Un rapporto di lavoro a termine è meglio che nulla, può osservarsi, ma impedisce di fare progetti a lunga scadenza, ad esempio di progettare una famiglia con figli, che richiede impegni di spesa onerosi nel tempo. Questa situazione non è l’ideale, in particolare sotto il profilo della dottrina sociale, che prescrive sicurezza sociale per il lavoro e per le famiglie. Bisognerebbe riconoscerla come insufficiente e proporsi realisticamente di migliorarla. Uno che la presenti, invece, in termini propagandistici, come un successo di certe politiche del lavoro, difficilmente lo farà e, probabilmente proseguirà sulla strada del passato, confidando che rapporti di lavoro meno stabili incentivino l’occupazione e che, alla fine, tutti ne beneficeranno, datori di lavoro e lavoratori. Può prevedere che la lunga fase recessiva che dura dal 2008 stia  per finire e che, dunque, alla scadenza dei contratti di lavoro a termine, se ne potranno concludere altri. E’, questa, l’opinione del neo-liberismo economico, che dai tempi del presidente federale statunitense Ronald Reagan, negli anni ’80, all’attuale presidente Donald Trump è stata proposta come la medicina per i sistemi sociali ed economici in crisi. Difficilmente però un candidato politico da noi mostrerà di abbracciarla integralmente sotto elezioni: si fanno quindi di solito molti distinguo. Ad esempio, si dichiara di apprezzare le politiche economiche di Trump, ma… Posizioni ambigue e non convincenti. Alla fine il rischio è che ci si butti dalla parte del più forte, per una via che è sempre agevole  e invitante, a discapito degli altri dopo averli indotti a tracciare un segno nel posto giusto sulla scheda elettorale.
Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli



















Nessun commento:

Posta un commento