Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

venerdì 10 febbraio 2017

Un mondo sta finendo

Un mondo sta finendo



Nella foto: i partecipanti alla firma del Trattato del 1951 di Parigi che istituì la prima delle Comunità Europee,  la Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio,  tra Belgio, Germania, Francia, Italia, Lussemburgo e Olanda. Nella foto, da sinistra: Paul Van Zeeland, ministro degli esteri belga, Joseph Bech, ministro degli esteri del Lussemburgo, Joseph Meurice, ministro del Commercio estero del Belgio, Carlo Sforza, ministro degli esteri italiano, Robert Shuman, ministro degli esteri francese, Konrad Adenauer, capo del governo e ministro degli esteri tedesco, Dirk Stikker, ministro degli esteri olandese, Johannes van de Brink, ministro degli affari economici olandese. L’iniziativa del trattato fu del francese Robert Shuman, per mettere fine alle situazioni di potenziale conflitto tra Francia e Germania. L’azione della Germania, che nella firma del trattato fu rappresentata al più alto livello, fu determinante. Ma senza la partecipazione dell’Italia il trattato sarebbe rimasto, in definitiva, un accordo franco-tedesco limitato, non l’abbozzo di un’Europa unita a livello continentale. L’Unione Europea si dissolverà quando uno di questi stati fondatori, Francia, Germania e Italia, la lascerà. 



[Dal Manifesto di Ventotene,  scritto nel 1941 da Altiero Spinelli, Ernesto Rossi ed Eugenio Colorni]

  Un'Europa libera e unita è premessa necessaria del potenziamento della civiltà moderna, di cui l'era totalitaria rappresenta un arresto. La fine di questa era sarà riprendere immediatamente in pieno il processo storico contro la disuguaglianza ed i privilegi sociali. Tutte le vecchie istituzioni conservatrici che ne impedivano l'attuazione, saranno crollanti o crollate, e questa loro crisi dovrà essere sfruttata con coraggio e decisione. La rivoluzione europea, per rispondere alle nostre esigenze, dovrà essere socialista, cioè dovrà proporsi l'emancipazione delle classi lavoratrici e la creazione per esse di condizioni più umane di vita.
 La bussola di orientamento per i provvedimenti da prendere in tale direzione, non può essere però il principio puramente dottrinario secondo il quale la proprietà privata dei mezzi materiali di produzione deve essere in linea di principio abolita, e tollerata solo in linea provvisoria, quando non se ne possa proprio fare a meno. La statizzazione generale dell'economia è stata la prima forma utopistica in cui le classi operaie si sono rappresentate la loro liberazione del giogo capitalista, ma, una volta realizzata a pieno, non porta allo scopo sognato, bensì alla costituzione di un regime in cui tutta la popolazione è asservita alla ristretta classe dei burocrati gestori dell'economia, come è avvenuto in Russia.
  Il principio veramente fondamentale del socialismo, e di cui quello della collettivizzazione generale non è stato che una affrettata ed erronea deduzione, è quello secondo il quale le forze economiche non debbono dominare gli uomini, ma - come avviene per forze naturali - essere da loro sottomesse, guidate, controllate nel modo più razionale, affinché le grandi masse non ne siano vittimeLe gigantesche forze di progresso, che scaturiscono dall'interesse individuale, non vanno spente nella morta gora della pratica "routinière" [=secondo un programma sempre uguale] per trovarsi poi di fronte all'insolubile problema di resuscitare lo spirito d'iniziativa con le differenziazioni dei salari, e con gli altri provvedimenti del genere dello stachanovismo dell'U.R.S.S. [Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, il regime politico che aveva sostituito quello imperiale zarista nel dominio della Russia e delle popolazioni asiatiche conquistate dai russi in epoca zarista, durato dal 1917 al 1991], col solo risultato di uno sgobbamento più diligente. Quelle forze vanno invece esaltate ed estese offrendo loro una maggiore possibilità di sviluppo ed impiego, e contemporaneamente vanno perfezionati e consolidati gli argini che le convogliano verso gli obiettivi di maggiore utilità per tutta la collettività.
   La proprietà privata deve essere abolita, limitata, corretta, estesa, caso per caso, non dogmaticamente in linea di principio.
  Questa direttiva si inserisce naturalmente nel processo di formazione di una vita economica europea liberata dagli incubi del militarismo e del burocraticismo nazionali. In essa possono trovare la loro liberazione tanto i lavoratori dei paesi capitalistici oppressi dal dominio dei ceti padronali, quanto i lavoratori dei paesi comunisti oppressi dalla tirannide burocratica. La soluzione razionale deve prendere il posto di quella irrazionale anche nella coscienza dei lavoratori. Volendo indicare in modo più particolareggiato il contenuto di questa direttiva, ed avvertendo che la convenienza e le modalità di ogni punto programmatico dovranno essere sempre giudicate in rapporto al presupposto oramai indispensabile dell'unità europea, mettiamo in rilievo i seguenti punti:

a. non si possono più lasciare ai privati le imprese che, svolgendo un'attività necessariamente monopolistica, sono in condizioni di sfruttare la massa dei consumatori (ad esempio le industrie elettriche); le imprese che si vogliono mantenere in vita per ragioni di interesse collettivo, ma che per reggersi hanno bisogno di dazi protettivi, sussidi, ordinazioni di favore, ecc. (l'esempio più notevole di questo tipo di industrie sono in Italia ora le industrie siderurgiche); e le imprese che per la grandezza dei capitali investiti e il numero degli operai occupati, o per l'importanza del settore che dominano, possono ricattare gli organi dello stato imponendo la politica per loro più vantaggiosa(es. industrie minerarie, grandi istituti bancari, industrie degli armamenti). E' questo il campo in cui si dovrà procedere senz'altro a nazionalizzazioni su scala vastissima, senza alcun riguardo per i diritti acquisiti; 

 b. le caratteristiche che hanno avuto in passato il diritto di proprietà e il diritto di successione hanno permesso di accumulare nelle mani di pochi privilegiati ricchezze che converrà distribuire, durante una crisi rivoluzionaria in senso egualitario, per eliminare i ceti parassitari e per dare ai lavoratori gl'istrumenti di produzione di cui abbisognano, onde migliorare le condizioni economiche e far loro raggiungere una maggiore indipendenza di vita. Pensiamo cioè ad una riforma agraria che, passando la terra a chi coltiva, aumenti enormemente il numero dei proprietari, e ad una riforma industriale che estenda la proprietà dei lavoratori, nei settori non statizzati, con le gestioni cooperative, l'azionariato operaio, ecc.; 

c. i giovani vanno assistiti con le provvidenze necessarie per ridurre al minimo le distanze fra le posizioni di partenza nella lotta per la vita. In particolare la scuola pubblica dovrà dare la possibilità effettiva di perseguire gli studi fino ai gradi superiori ai più idonei, invece che ai più ricchi; e dovrà preparare, in ogni branca di studi per l'avviamento ai diversi mestieri e alla diverse attività liberali e scientifiche, un numero di individui corrispondente alla domanda del mercato, in modo che le rimunerazioni medie risultino poi pressappoco eguali, per tutte le categorie professionali, qualunque possano essere le divergenze tra le rimunerazioni nell'interno di ciascuna categoria, a seconda delle diverse capacità individuali;

d. la potenzialità quasi senza limiti della produzione in massa dei generi di prima necessità con la tecnica moderna, permette ormai di assicurare a tutti, con un costo sociale relativamente piccolo, il vitto, l'alloggio e il vestiario col minimo di conforto necessario per conservare la dignità umana. La solidarietà sociale verso coloro che riescono soccombenti nella lotta economica dovrà perciò manifestarsi non con le forme caritative, sempre avvilenti, e produttrici degli stessi mali alle cui conseguenze cercano di riparare, ma con una serie di provvidenze che garantiscano incondizionatamente a tutti, possano o non possano lavorare, un tenore di vita decente, senza ridurre lo stimolo al lavoro e al risparmio. Così nessuno sarà più costretto dalla miseria ad accettare contratti di lavoro iugulatori; 

e. la liberazione delle classi lavoratrici può aver luogo solo realizzando le condizioni accennate nei punti precedenti: non lasciandole ricadere nella politica economica dei sindacati monopolistici, che trasportano semplicemente nel campo operaio i metodi sopraffattori caratteristici specialmente del grande capitale. I lavoratori debbono tornare a essere liberi di scegliere i fiduciari per trattare collettivamente le condizioni a cui intendono prestare la loro opera, e lo stato dovrà dare i mezzi giuridici per garantire l'osservanza dei patti conclusivi; ma tutte le tendenze monopolistiche potranno essere efficacemente combattute, una volta che saranno realizzate quelle trasformazioni sociali.

 Questi sono i cambiamenti necessari per creare, intorno al nuovo ordine, un larghissimo strato di cittadini interessati al suo mantenimento e per dare alla vita politica una consolidata impronta di libertà, impregnata di un forte senso di solidarietà sociale. Su queste basi le libertà politiche potranno veramente avere un contenuto concreto e non solo formale per tutti, in quanto la massa dei cittadini avrà una indipendenza ed una conoscenza sufficiente per esercitare un efficace e continuo controllo sulla classe governante.


****************************************************

 Mie considerazioni

  Quando si ragiona di politica, bisognerebbe tenere sempre tra le mani l’ultimo volume del corso di storia delle scuole superiori. Quello è un libro da cui non separarsi per tutta la vita. E se, per qualche motivo, non lo si ha più in casa, bisogna ricomprarlo. I libri sono tra le cose più a buon mercato nella nostra civiltà. Ma ce ne sono molti di inutili, semplice solletico per la mente. Non è così per quelli di storia delle scuole. Senza quel libro di storia di cui ho detto, da dove partire? Si fanno solo delle chiacchiere, riprendendo quelle ascoltate in televisione o, peggio, quelle che si fanno sulle reti sociali sul WEB.
  Quando sono nato, erano passati solo dodici anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale (1939-1945) e nove anni dall’istituzione della Repubblica italiana democratica. Si viveva in un’epoca di forte sviluppo economico,  nonostante che le ferite tremende della guerra fossero ancora aperte nella società e nei luoghi dove la gente viveva. L’economia nazionale era influenzata favorevolmente dalla cooperazione internazionale e dalle  condizioni di mercato dell’epoca, con basso costo del lavoro e dell’energia. Negli anni successivi un certo benessere si diffuse anche nelle masse popolari, generando varie rivendicazioni sociali. Questo ciclo economico ebbe fine all’inizio degli anni ’70. Seguirono circa dieci anni di ciclo depressivo, poi circa altri dieci anni di ripresa economica, poi iniziò l’era dell’economia mondiale che stiamo ancora vivendo, basata sulla globalizzazione dei mercati con vantaggi e svantaggi per la gente e, infine, una lunga depressione economica in Europa, arrivata nel 2008 dagli Stati Uniti d’America e ancora non superata.
 Dunque, dicevo, sono nato a dodici anni dalla fine della guerra mondiale.
 Se oggi andiamo indietro di dodici anni che troviamo? Più o meno l’Europa di adesso. Un continente sicuro e pacificato.  Ma sarebbe così  anche andando più indietro nel tempo. Fino agli anni ’80 troveremmo un’Europa divisa in due da regimi politico-economici molto diversi: quelli capitalistici nella parte occidentale, quelli comunisti in quella orientale. Il confine, che Winston Churchill definì “Cortina di ferro” per la sua impenetrabilità, correva lungo le due parti della Germania in cui quello stato era stato diviso politicamente dopo la caduta del regime nazista, lungo il confine tra l’Austria, l’Ungheria, e la Cecoslovacchia e quello tra l’Italia e Austria, da una parte, e la Jugoslavia dall'altra, uno stato che oggi non c’è più, ma che all’epoca federava Slovenia, Croazia, Bosnia Erzegovina, Serbia e  Montenegro, e infine lungo il confine tra l’Italia e l’Albania e quello tra quest'ultima, la Bulgaria, da una parte, e la Grecia dall'altra. Ma l’Europa occidentale, e l'Italia in particolare,  non era molto diversa da ora.
  Nel 2012 i saggi del Premio Nobel attribuirono quello per la pace all’Unione Europea. Infatti è proprio questo più eclatante effetto del processi di cooperazione e integrazione europea: un lunghissimo periodo di pace, quale le generazioni europee precedenti non avevano mai vissuto.  Quando ero bambino, facevo le elementari, mia nonna Rosa, nata all'inizio del Novecento,  mi raccontava che nella sua vita c’era stata una guerra più o meno ogni dieci anni, perché a quelle  mondiali  bisognava aggiungere quelle  coloniali. E si stupiva che non ne fosse ancora iniziata una: si era all’inizio degli anni Sessanta. Anche il mio maestro delle elementari la pensava nello stesso modo. Per lui ci sarebbero state a breve altre guerre e noi, ci diceva, dovevamo prepararci, perché sicuramente saremmo stati chiamati a combatterne una, non appena avessimo raggiunto la maggiore età, che all’epoca era a ventuno anni. Ma quelle guerre non vennero da noi. Negli anni ’90 scoppiarono in Jugoslavia, nel processo di dissoluzione di quello stato, e anche l’Italia vi partecipò, ma solo con l’aviazione militare e nel quadro di un’azione della NATO. Fu un conflitto limitato, interno alla stessa Jugoslavia. Oggi la Slovenia e la Croazia, che combatterono quelle guerre, sono parte dell’Unione Europea, e Bosnia-Erzegovina e Serbia sono in procinto di diventarlo.
 A che cosa è stato dovuto quel lungo periodo di pace?
 Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale il mondo si polarizzò intorno alle due maggiori potenze vincitrici, i maggiori tra gli Alleati che avevano combattuto i fascismi europei, tra i quali quello italiano, precursore e modello di tutti i fascismi europei: Stati Uniti d’America, una potenza americana,  e Unione Sovietica, una potenza euroasiatica; la prima ad economia capitalista avanzata, la seconda ad economia comunista. Entrambe volevano esportare il loro modello politico ed economico in tutto il mondo. Oguna riteneva l'altra un pericolo mortale ed entrambe, in funzione essenzialmente difensiva come dichiaravano i loro capi, si dotarono di armi nucleari sempre più potenti e sofisticate. Se usate, esse avrebbero portato alla distruzione del mondo intero, compresi gli stati che le avevano lanciate. Per farsi un’idea della situazione dell’epoca si può vedere il film Il dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba, del regista Stanley Kubrik, realizzato nel 1964, (in commercio su DVD ad €7,43) e il romanzo di Nevil Shute, L’ultima spiaggia, del 1957 (disponibile in e-book ad €3,99). Un conflitto globale, mondiale, con il coinvolgimento di quelle due super-potenze divenne impossibile. In questo una grande anima come Giorgio La Pira vide la manifestazione di un disegno provvidenziale. In realtà conflitti locali, più limitati, continuarono ad essere combattuti, anche tra le grandi potenze, come nella guerra in Corea (1950-1953) e nella lunghissima guerra in Indocina (Vietnam, Laos, Cambogia), dal 1955 al 1975. Ma non in Europa, in particolare lungo la frontiera tra Germania e Francia, al centro dell’Europa, che divideva i sistemi politici dai quali erano originate le due Guerre mondiali del Novecento. Perché? E’ stato merito del processo di integrazione e cooperazione europea che ha progressivamente eliminato le ragioni di conflitto e avvicinato i popoli europei, fino a rendere inutili i posti di frontiera tra nazioni che si erano lungamente e strenuamente combattute. Un processo che non ha riguardato con la stessa intensità ed efficacia le nazioni integrate nell’analogo organismo di cooperazione europea promosso nell’area dominata dai sovietici, il COMECON, con la conseguenza che gli stati che hanno aderito all’Unione Europea dopo essere stata inclusi dal 1945 nell’area di influenza sovietica appaiono molto meno integrati tra loro di quanto appaiono le nazioni dell’Europa occidentale. In particolare fra di essi è ancora molto forte il nazionalismo che il processo di integrazione europeo ha fortemente contrastato.
  Il processo di pacificazione tra i popoli europei attuato progressivamente nel quadro di politiche internazionali europeiste ha comportato incisive riforme sociali, nel senso di quelle auspicate dagli autori del Manifesto di Ventotene, in particolare nel settore dell’economia, del lavoro e  della sicurezza sociale. Esse erano nel programma politico dei partiti socialisti europei, fin dall’Ottocento. La Chiesa cattolica inizialmente lo contrastò: del resto  la prima enciclica sociale,  intitolata Le novità, diffusa nel 1891 dal papa Gioacchino Pecci, regnante in religione come Leone 13°, era diretta in primo luogo contro il socialismo. Poi, seguendo in questo, in particolare, le impostazioni dei partiti popolari democratici europei del Secondo dopoguerra, ne ha recepito diversi elementi, tanto che ho letto che al nuovo presidente statunitense il Papa attuale appare sospetto di socialismo. Ma la giustizia sociale, in particolare una ragionevole distribuzione delle ricchezze che consenta alle masse di liberarsi dalla povertà e di condividere il benessere reso possibile dai moderni mezzi di produzione, quindi  ciò che si intende con l’espressione sicurezza sociale, che significa anche assistenza nella malattia e negli altri rovesci della vita (come i disastri naturali), sostegno nella vecchiaia,  e protezione del lavoro dagli arbitri di chi controlla i processi produttivi, trova giustificazione in sé stessa e non dipende da questa  o quella ideologia. Anche ai nostri tempi, nei quali quasi nessuno osa più definirsi  socialista, in particolare in Italia per il discredito che è legato a questa denominazione per le ultime vicende storiche del partito che da noi al socialismo si richiamava  espressamente e per le conseguenze disumane del sistema socialista sovietico, l’idea di giustizia sociale può continuare ad avere corso, in particolare seguendo ideali umanitari che anche in religione possono trovare fondamento. Piuttosto è l’idea di lotta di classe, quindi di conflitti sociali violenti, che appare meno attuale, perché viviamo in società democratiche in cui, almeno in teoria, le masse hanno gli strumenti per far valere certe pretese con metodi nonviolenti.  E questo anche se il conflitto è latente in ogni società umana: in democrazia esso può tuttavia essere gestito pacificamente. Da ciò consegue, però, che la crisi dei processi democratici mette le società a rischio di una ripresa di lotte sociali violente. 
  Una delle prime riforme italiane del Secondo dopoguerra fu quella agraria, che comportò espropriazione dei latifondi improduttivi e la distribuzione delle terre ai lavoratori. Si arrivò alla nazionalizzazione della produzione di energia elettrica, secondo gli auspici degli autori del Manifesto e fu stabilito che a) la proprietà privata dovesse essere regolata in modo da assicurarne la funzione sociale  e di renderla accessibile  a tutti  (art. 42 della Costituzione)  e che b) l’impresa privata non potesse svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana (art. 41 della Costituzione). Il sistema di previdenza sociale per la vecchiaia, l’invalidità e la malattia fu esteso a tutte le categorie di lavoratori, anche autonomi e, con la riforma sanitaria del 1978, la maggior parte delle cure divenne accessibile a tutti gratuitamente o a costi molto contenuti. Per il lavoratori dipendenti si stabilirono minimi salariali e disposizioni che li tutelassero da licenziamenti arbitrari, prevedendo una valida tutela giudiziaria dei diritti del lavoro. Fu garantita l’istruzione pubblica, fino ai livelli più elevati, per larghe fasce della popolazione. Riforme analoghe furono attuate anche negli altri stati europei interessati dal processo di unificazione sfociato nell’Unione Europea. In sostanza, le riforme disegnate dagli autori del Manifesto di Ventotene vennero attuate e questo fu un fattore importante di pacificazione delle società europee che si stavano integrando economicamente e politicamente. Tutti i diritti scaturiti da quelle riforme vengono ancora oggi considerati scontati e irrinunciabili dalla maggior parte della gente, e invece non lo sono nella maggior parte del mondo. In origine chi ne proponeva l’istituzione veniva considerato un socialista rivoluzionario. E penso che vi sia ancora chi, leggendo oggi il brano del Manifesto di Ventotene  che ho sopra trascritto, si scandalizzerà, leggendo di socialismo. Il Manifesto  è un documento molto citato ma poco letto e conosciuto in dettaglio. E in esso il socialismo c’è.
 Il mondo della pace sociale e internazionale europea sta improvvisamente e rapidamente finendo. Questa è la novità dei nostri  tempi. Si stanno nuovamente creando le condizioni per guerre mondiali ed europee. Ad un bambino delle elementari di oggi non sarei in grado di garantire che non dovrà combattere una qualche guerra. E anche la società italiana si è fatta instabile, man mano che le conquiste sociali dei passati decenni vengono messe in discussione. In una nazione ancora tra le più ricche del mondo, sembra che non ce ne sia più per tutti. E’ stato osservato che sono molto aumentate le diseguaglianze sociali, in modo corrispondente e progressivo al decadere dei meccanismi di perequazione economica tra le classi e di protezione di quelle più deboli. L’area del benessere si va restringendo, il lavoro si va facendo insicuro, la protezione per la vecchiaia non è più certa per coloro che oggi sono giovani e  per tutti i servizi sociali, in particolare per la sanità, le risorse diminuiscono. Le condizioni di lavoro si vanno avvicinando a quelle dei lavoratori asiatici che finora hanno prodotto le merci di uso comune che in Europa acquistiamo a bassissimo prezzo. Nonostante che il costo del lavoro in Italia sia tra i più bassi in Europa, non vi è una ripresa dell’occupazione, anche per il diffondersi sempre più di processi produttivi automatizzati. Ma il fattore che sta determinando il cambiamento è il mutamento radicale di impostazione politica negli Stati Uniti d’America, la potenza di riferimento per le nazioni europee, finora fortemente integrata economicamente  e politicamente con l’Europa. Negli anni passati gli statunitensi hanno assecondato il processo di unificazione europea, prima in chiave antisovietica e successivamente come fattore di stabilizzazione  europea per gestire la dissoluzione del sistema politico dominato dai sovietici. La riunificazione delle due Germanie, l’assorbimento nell’Unione Europea dei paesi baltici e di quelli ex comunisti fino alla Polonia e alla Romania sono stati gestiti in ambito europeo.  Dalla crisi Ucraina in avanti, quindi dal 2014, la politica statunitense è cambiata, e ancor più sta cambiando in questi giorni. Le due super-potenze che avevano determinato l’ordine politico europeo dal 1945 non sembrano più interessate ad un’Europa unificata e manovrano per indebolirla. Stati Uniti d’America e Russia in Europa sono in rotta di collisione, in particolare sulle questioni delle minoranze russe nelle nazioni baltiche, su quelle dell’Ucraina e su quella del rafforzamento della forza NATO in Polonia. La crisi Ucraina ha dimostrato che guerre internazionali possono ancora essere combattute in Europa, senza scatenare un conflitto autodistruttivo, quindi senza necessariamente impiegare le armi nucleari. 
 In Europa i politici populisti addebitano al processo di integrazione europea mali che derivano invece dalla degenerazione dei sistemi capitalistici. Questo indebolisce ulteriormente la base politica del processo di unificazione europea. Le masse sono spinte a sostenere politiche protezionistiche che sono suicide per nazioni di un continente come quello europeo che ha prosperato solo nelle fasi di integrazione economica. E a ripudiare la moneta unica, l’Euro, con il rischio di ricadere nella situazione, ormai sperimentata solo da chi ha sessanta e più, in cui i risparmi delle famiglie, così come i salari dei lavoratori, venivano rapidamente erosi da tassi di inflazione altissimi, prodotti da spregiudicate politiche monetarie dei governi nazionali.
  Un quadro di crisi globale che, per la prima volta, viene realisticamente e sinteticamente esposto in un documento di un Papa: nell’enciclica Laudato si’. Le soluzioni proposte sono abbastanza simili a quelle pensate da Spinelli, Rossi e Colorni, quindi da socialisti critici, consapevoli sia dei mali dei sistemi capitalistici che di quelli dei sistemi totalitari basati sul comunismo di impronta sovietica.  Ma certamente in quel documento, destinato ad un pubblico globale, l’Europa non c’è. Del resto è scritto da un americano. Occorre quindi, nel processo di formazione all’azione sociale dei laici di fede italiani, integrarlo, in particolare vincendo i sospetti di laicismo che negli ultimi anni hanno guastato il confronto tra il mondo della nostra fede e quello delle politiche europeiste.
Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli


Nessun commento:

Posta un commento