Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

giovedì 31 luglio 2014

Problemi nell'azione comunitaria

                                                        Problemi nell'azione comunitaria

Scrive Pier Paolo Donati nel suo "Pensiero sociale cristiano e società postmoderna", editrice AVE,1997:
"La situazione odierna è decisamente paradossale: la globalizzazione uccide la comunità, mentre al contempo ne esalta il bisogno [...] La società moderna è stata come un'apertura del vaso di Pandora: sollevando il coperchio di un'ordine sociale imposto dall'alto, sono fuoriuscite esigenze di nuove relazioni sociali e comunicative che oggi non sono più riconducibili a un qualche ordine, tantomeno comunitario in senso stretto. Adesso le relazioni vengono continuamente create e distrutte, in un gioco che lascia poco spazio ai progetti e ai disegni di soggetti comunitari concepiti all'antica, come la famiglia tradizionale, la chiesa, il quartiere, le istituzioni locali ereditate dal passato. Occorre che questi soggetti imparino a fare comunità in modo nuovo, combinando aperture e chiusure discrezionali in modo da essere universali nel particolare."
 Donati descrive molto efficacemente i problemi che anche noi incontriamo come gruppo parrocchiale di Azione Cattolica. Abbiamo bisogno di gente nuova, ma è difficile aggregarla all'interno della nostra esperienza associativa, che è vista da chi ne è fuori come inquadrata in una organizzazione, la chiesa locale, che appare insuperabilmente legata al passato e incapace di dare risposta alle questioni vitali per le persone di oggi. D'altra parte è proprio del tempo in cui viviamo, come osservato ad esempio dall'anziano sociologo inglese Baumann, il trovare difficoltá nell'organizzare risposte collettive, pubbliche, ai problemi privati, individuali. 
 In una società che si fa sempre più insicura per le persone, che sono incerte sul proprio futuro, a cominciare da quando sono giovani, dall'età in cui la disillusione derivata dalle esperienze concrete di vita non dovrebbe avere ancora scavato a fondo nelle fondamenta delle speranze individuali, anche la fede religiosa viene vissuta spesso solo come sostegno privato alla propria psicologia, e non sempre in questo modo funziona come nel passato. L'esperienza in Azione Cattolica è sempre stata molto più di questo. È stata fin dall'origine motivata dall'intento di esercitare un'influenza collettiva sulla societá in cui si è immersi per migliorarla secondo gli ideali di fede, e questo in diversi modi, che vanno dal discorso religioso esplicito alla collaborazione per l'elevazione sociale delle persone e per la modifica di strutture sociali carenti o inique. In ogni caso si tratta di un lavoro che si fa collettivamente e che richiede uno sforzo per agire collettivamente. Questo comporta cercare di comporre le divisioni mediante il dialogo collettivo, metodo caratteristico dell'Azione Cattolica, quindi di fare unitá a partire da una collettivitá, ma senza che la collettivitá domini sulle persone o senza che l'unitá derivi dall'assoggettare la collettivitá alla volontá di uno solo o di pochi. Queste ultime sono state soluzioni per dare coerenza a collettivitá attuate in concreto in varie esperienze sociali nella nostra confessione di fede, ma non hanno mai denotato  il lavoro di Azione Cattolica. La nostra esperienza è, in questo senso, "aperta" e lascia maggiore spazio di altre a quel "fare comunitá in modo nuovo" di cui ha scritto Donati. I nostri statuti ci consentono una maggiore discrezionalità, pure garantendoci ancora una collocazione sicura all'interno del contesto istituzionale della nostra confessione religiosa. Questa è un'opportunità che può essere sfruttata. 

Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente Papa - Roma, Monte Sacro, Valli
 


Nessun commento:

Posta un commento