Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

domenica 13 luglio 2014

Domenica 13-7-14 – - 15° Domenica del Tempo Ordinario - Letture e sintesi dell’omelia della Messa delle nove


Domenica 13-7-14 – Lezionario dell’anno A per le domeniche e le solennità - 15° Domenica del Tempo Ordinario - salterio: terza settimana – colore liturgico: verde - Letture e sintesi dell’omelia della Messa delle nove
 
Osservazioni ambientali: temperatura 22C°; cielo: coperto, piovoso. Canti: ingresso, Beati quelli che ascoltano;  Offertorio: Ti offro Signor; Comunione, Il Signore ha messo un seme. Il gruppo di AC era nei banchi a sinistra dell'altare, guardando l'abside.
 
Buona Domenica a tutti i lettori!
 
 
Prima lettura
Dal libro del profeta Isaia (Is 55,10-11)
 
 Così dice il Signore: "Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché dia il seme a chi semina e il pane a chi mangia, così sarà della mia parola uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l'ho mandato".

 

Salmo responsoriale (Sal 64 (65) )

 

 

Ritornello:
Tu visiti la terra, Signore,
e benedici i suoi germogli

 

Tu visiti la terra e la disseti,
la ricolmi di ricchezze.
Il fiume di Dio è gonfio di acque;
tu prepari il frumento per gli uomini.

 

Così prepari la terra:
ne irrighi i solchi, ne spiani le zolle,
la bagni con le piogge e benedici i suoi germogli.
 

Coroni l'anno con i tuoi benefici,
i tuoi solchi stillano l'abbondanza.
Stillano i pascoli del deserto
e le colline si cingono di esultanza.

 

I prati si coprono di greggi,
le valli si ammantano di messi:
gridano e cantano di gioia!

 

 

 

Seconda lettura
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani (Rm 8,18-23)
 
 Fratelli, ritengo che le sofferenze del tempo presente non siano paragonabili alla gloria futura che sarà rivelata in noi. L'ardente aspettativa della creazione, infatti, è protesa verso la rivelazione dei figli di Dio. La creazione infatti è stata sottoposta alla caducità -non per sua volontà, ma per volontà di colui che l'ha sottoposta- nella speranza che anche la stessa creazione sarà liberata dalla schiavitù della corruzione per entrare nella libertà della gloria dei figli di Dio. Sappiamo infatti che tutta insieme la creazione  geme e soffre le doglie del parto fino ad oggi. Non solo, ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l'adozione a figli, la redenzione del nostro corpo.
 
 
Vangelo
Dal Vangelo  secondo  Matteo (Mt 13,1-23)
 
  Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia. Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: "Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un'altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c'era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era molto profondo, ma quando spuntò il sole fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un'altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. Un'altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi, ascolti". Gli si avvicinarono allora i discepoli e gli dissero: "Perché a loro parli con parabole?". Egli disse loro: "Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. Infatti a colui che ha, verrà dato e sarà nell'abbondanza; ma a colui che non ha, sarà tolto anche quello che ha. Per questo a loro parlo con parabole: perché guardando non vedono, udendo non ascoltano e non comprendono. Così si compie per loro la profezia di Isaia che dice: «Udrete sì, ma non comprenderete, guarderete, sì, ma non vedrete. Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile, sono diventati duri di orecchi e hanno chiuso gli occhi, perché non vedano con gli occhi, non ascoltino con gli orecchi e non comprendano con il cuore e non si convertano e io li guarisca!». Beati invece i vostri occhi perché vedono e  i vostri orecchi perché ascoltano. In verità io vi dico: molti profeti e molti giusti  hanno desiderato vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono!. Voi dunque ascoltate la parabola del seminatore. Ogni volta ch uno ascolta la parola del Regno e non la comprende, viene il Maligno e ruba ciò che è stato seminato nel cuore: questo è il  seme seminato lungo la strada. Quello che  è stato seminato sul terreno sassoso è colui che ascolta la Parola e l'accoglie subito con gioia, ma non ha in sé radici ed è incostante, sicché, appena giunge una tribolazione o una persecuzione a causa della Parola, egli subito viene meno. Quello seminato tra i rovi è colui che ascolta la Parola, ma la preoccupazione del modo e la seduzione della ricchezza soffocano la Parola ed essa non dà frutto. Quello seminato  sul terreno buono è colui che ascolta la Parola e la comprende; questi dà frutto e produce il cento, il sessanta, il trenta per uno".
 
 
 
Sintesi dell'omelia della Messa delle nove
 
 Con le letture bibliche di oggi la Chiesa madre di nutre.
 La parabola narrata nel brano evangelico non richiede spiegazione, perché è contenuta nel brano stesso. La Parola in esso contenuta parla anche a noi oggi, si compie anche in noi. Può accaderci infatti di venire a Messa ma di non prestarle attenzione. Allora, usciti dalla chiesa, non ricordiamo ciò che abbiamo ascoltato. Oppure ci può accadere di ascoltarla, ma poi i problemi della vita ce la fanno mettere in secondo piano. Ci preoccupiamo innanzi tutto di trovare da mangiare e di tutto il resto che serve per vivere. L'efficacia della Parola dipende quindi dal terreno in cui cade, vale a dire da noi. Bisogna innanzi tutto capire chi siamo noi. Se noi veramente crediamo che Dio ci sia Padre, perché preoccuparsi dei problemi della vita?
 Nel brano evangelico si narra che Gesù, per parlare, si distanziò dalla folla. Egli non vuole incontrarci come folla, vuole un rapporto intimo con ciascuno di noi. Per avere questo tipo di rapporto con Gesù dobbiamo capire noi chi siamo, a che cosa attribuiamo importanza, a che cosa crediamo.
 Si presta attenzione a ciò in cui si crede. Quindi ascoltiamo la Parola nella misura in cui crediamo che sia importante per la nostra vita.
 La Parola di Dio si può riassumere in "amore", perché è l'amore che essa ci chiede. L'amore accolto dà frutto, come si legge nella parabola, "il cento, il sessanta, il trenta per uno".
 Nella misura in cui le crediamo la Parola ci cambia, si fa carne in noi.  Lasciamoci dunque cambiare dalla Parola, perché compia in noi ciò per cui è stata mandata, perché, come si legge nella prima lettura, dia frutto in noi, secondo la volontà del Padre.
 
 
Sintesi di Mario Ardigò, per come ha inteso le parole del celebrante – Azione Cattolica in San Clemente Papa– Roma, Monte Sacro Valli
 
 

Avvisi parrocchiali:

-si segnala il sito WEB della parrocchia:
 
 
Avvisi di A.C.:
- le riunioni infrasettimanali del gruppo parrocchiale di AC riprenderanno nel prossimo ottobre. Il gruppo continuerà ad animare la Messa domenicale delle ore 9;
-le letture della Messa di domenica prossima 20-7-14, 16° Domenica del Tempo ordinario,  sono: Sap 12,13.16-19; Sal 85 (86); Rm 8,26-27; Mt 13,24-43.
- si segnala il nuovo sito WEB dall'AC diocesana: www.acroma.it
- si segnala il sito WEB www.parolealtre.it , il nuovo portale di Azione Cattolica sulla formazione;
- si segnala il sito WEB Viva il Concilio http://www.vivailconcilio.it/
iniziativa attuata per conoscere la storia, lo spirito e i documenti del Concilio Vaticano 2° (1962-1965) e per scoprirne e promuoverne nella società di oggi tutte le potenzialità.
-si segnala il blog curato dal presidente http://blogcamminarenellastoria.wordpress.com/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento