Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

giovedì 20 ottobre 2016

Per chi tiene Barak Obama al referendum?

Per chi tiene Barak Obama al referendum?

Foto da WEB

L’altro giorno, ricevendo nella capitale statunitense il nostro Presidente del Consiglio accompagnato da un gruppo di personaggi pubblici italiani, il presidente statunitense Barak Obama, per come hanno riferito i mezzi di comunicazione di massa, ha dichiarato che gli Stati Uniti d’America “sostengono il referendum, per un sistema politico più responsabile”. Ma che significa “sostenere il referendum”? Si è inteso che Obama si riferisse al referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre, nel quale si può votare SÌ o No, quindi approvare la riforma costituzionale e farla entrare in vigore o non approvarla, in modo che non entri in vigore. Obama è per il SÌ o per il NO? Poiché ha caldamente apprezzato il lavoro del nostro attuale Presidente del Consiglio e quest’ultimo vorrebbe che la riforma costituzionale, che è stata un elemento importante del suo programma di governo, entrasse in vigore, si è inteso che Obama fosse per il SÌ al referendum, quindi perché la riforma entri in vigore.  Che ne sa Obama della riforma costituzionale? Gli unici elementi che abbiamo per capirlo sono le sue parole, riportate dai mezzi di comunicazione di massa. Ha proposto due argomenti: la riforma ammoderna le istituzioni italiane e consentirà al governo di muoversi più velocemente. Si tratta, come è evidente, di effetti previsti della riforma, non della riforma. Obama, nell'argomentare, non ha esaminato e valutato alcun contenuto della riforma. Alcuni commentatori sostengono che non ne sa nulla, al di là di quello che ne ha saputo parlando con il nostro Presidente del Consiglio e dalle brevi note dei suoi collaboratori in preparazione dell’incontro con gli italiani. Infatti non è entrato nei dettagli. In che senso la riforma costituzionale ammoderna  le istituzioni? E, soprattutto, le ammoderna  in meglio o in peggio? La modernità non è sempre in meglio, come a tutti è chiaro. Il fascismo italiano, ad esempio, si proponeva come fautore di modernità rispetto al vecchio  regime liberale, ma possiamo considerare la sua modernità come positiva? Ma come fare a giudicare la bontà della modernità della riforma, se non si esaminano i suoi contenuti perché non li si conosce o non li si conosce a sufficienza? Ma difficilmente un presidente statunitense può occuparsi, nella sue convulsa giornata di lavoro, di una faccenda come questa, riguardante un particolare aspetto della politica italiana. Che cosa lo ha spinto a intervenire sul tema? Questa è un problema importante. Lo ha fatto di sua iniziativa o è stato sollecitato a farlo? E se lo ha fatto di sua iniziativa, perché lo ha fatto? Dal contesto dell’evento della visita degli italiani, è risultato chiaro che Obama volesse esprimere un apprezzamento per la politica del nostro attuale Presidente del Consiglio. Lo considera il capo di un governo amico. E' stato scritto che vorrebbe dagli italiani un impegno militare più intenso su diversi fronti caldi, ad esempio nella guerra in Libia, oltre che un'intesa sui problemi europei e su quelli dell'immigrazione verso l'Europa, e probabilmente si attende, su questi temi, una comune prospettiva con l'Italia, e in particolare con il suo Governo.  “Patti chiari, amicizia lunga” ha detto in italiano: non so se si sia reso conto che la frase, nella lingua italiana, ha un senso minaccioso. Che patti  sono stati fatti? E questi eventuali patti, che i governi talvolta possono lasciare segreti, c’entrano qualcosa con l’appoggio di Obama alla politica del nostro attuale Presidente del Consiglio? Sono domande che per ora non hanno avuto risposta. Probabilmente ci vorrà del tempo perché l’abbiano, ci dovranno lavorare su gli storici, quando l’attuale fase politica sarà conclusa e ci sarà tempo per vagliare più serenamente, senza l'assillo dell'attualità dello scontro politico e in dettaglio le varie fonti disponibili. E questo momento potrebbe non essere molto lontano, comunque vada il referendum. Potremo essere in un'epoca in cui sta maturando quello che gli storici chiamano un cambio di fase,  come si ebbe all'inizio degli anni '90 a seguito del referendum sulla preferenza unica nelle elezioni politiche che poi fece maturare una nuova legge elettorale, a seguito della quale si produsse il bipolarismo, l'alternanza al governo tra due opposte coalizioni. C’è chi sostiene infatti che in caso di entrata in vigore della riforma l’anno prossimo ci saranno elezioni anticipate e, per l’effetto congiunto della riforma e della nuova legge elettorale per la Camera dei deputati, ci sarà una diversa maggioranza di governo, stando ai sondaggi attualmente diffusi. Nel caso che, invece, la riforma non entri in vigore, l’attuale Presidente del Consiglio sarà probabilmente costretto, nelle dinamiche congressuali del suo partito,  a ridimensionare il suo ruolo politico, scegliendo se fare il segretario di partito o il presidente del Consiglio.
  Gli Stati Uniti d’America hanno sempre cercato di influenzare la politica italiana, fin dalle origini della Repubblica. E i Presidenti del Consiglio italiani hanno sempre cercato di accreditarsi presso i presidenti statunitensi, considerando un successo essere ricevuti da loro. Sembra che in Italia non si possa presiedere un governo senza il favore degli statunitensi. Ma, a mia memoria, non c’era mai stato un intervento esplicito come quello di Barak Obama nelle questioni politiche italiane, durante una campagna per elezioni politiche o referendum e nel corso della visita di un nostro Presidente del Consiglio. Per certi versi le parole del presidente statunitense possono suonare umilianti per un elettore italiano. Gli Stati Uniti d’America sono tanto orgogliosi e gelosi della loro autonomia nazionale da avere in costituzione una regola per cui chi non è nato negli Stati Uniti non può diventare Presidente. Ed ora un Presidente statunitense si ingerisce pesantemente nella riforma della nostra Costituzione, nonostante non siano in questione i principi fondamentali, ad esempio il carattere democratico dello stato. Non mi figuro un De Gasperi, un Fanfani, un Moro, nel ruolo che, nel corso della recente visita di stato negli Stati Uniti d’America, ha impersonato il nostro Presidente del Consiglio. Se al referendum vinceranno i favorevoli alla riforma, si dirà che sarà anche merito di Obama, di un capo di stato straniero, e la nostra Repubblica potrebbe essere considerata a sovranità limitata, come lo furono a lungo alcuni stati del Centro America. E che accadrebbe se, sostituito Obama con un altro Presidente come accadrà tra poco, il nuovo arrivato avanzasse altre pretese politiche nei nostri confronti?
 Ma, soprattutto, spiace che l’appoggio politico di Obama non sia stato fondato su argomenti ricavati dai contenuti della riforma. Si è trattato, in definitiva, solo di propaganda, senza alcun vero riferimento al merito della complessa legge costituzionale in decisione nel referendum. E questo è avvenuto alla presenza del nostro Presidente del Consiglio, il quale non ha mosso obiezioni. Eppure il compito dei politici, in questo frangente, dovrebbe essere quello di non perdere occasione per approfondire i temi della riforma, perché la decisione degli cittadini chiamati al referendum sia consapevole, informata   e dunque libera.
  La decisione sulla riforma costituzionale va al di là della politica del giorno per giorno, della questione di quanto a lungo durerà l’attuale governo: è in questione la qualità della vita nostra e dei nostri figli e nipoti. E’ un tema che è affrontato nell’enciclica Laudato si’ e che dunque mette in gioco anche la nostra fede religiosa. Il disimpegno nell’informarsi  e nel  cercare di capire meglio  dialogando con gli altri,  l’affidarsi alla pura propaganda, è colpevole e non solo dal punto di vista civico. La salute delle istituzioni di una società comporta conseguenze per la qualità della vita umana, per cui è necessario un progresso culturale per arrivare ad una ecologia sociale, che è necessariamente istituzionale, per raggiungere progressivamente diverse dimensioni che vanno dal gruppo sociale primario, la famiglia, fino alla vita internazionale, passando per la comunità locale e la Nazione: è scritto in quell’enciclica (n.142). Tutto ciò che danneggia le istituzioni fondamentali di uno stato, come può avvenire approvando una riforma costituzionale imperfetta, può comportare effetti nocivi, sempre gravi, fino anche ad arrivare alla perdita della libertà, all'ingiustizia e alla violenza. L’ambiente sociale ne viene pregiudicato. Ecco quindi la necessità, e  il dovere morale, di trovare  la voglia, il tempo e gli strumenti per capire bene  ciò che è in decisione, senza affidarsi a tutto ciò che è solo propaganda, anche se proposta dall'uomo considerato finora quello più potente della Terra, e dal suo amico italiano.
  In che cosa consiste l’ammodernamento  che viene proposto con la riforma costituzionale? E’ una modernità  buona  o cattiva? E questo ammodernamento  può funzionare bene? I rapporti tra le istituzioni fondamentali della Repubblica sono organizzati in modo da non creare conflitti insolubili o da non rendere più debole o meno efficiente il sistema di garanzie  e  contrappesi  che distingue una democrazia, il regime della sovranità di tutti, da una oligarchia,  il regime in cui comandano in pochi? E’ vero che la riforma costituzionale rafforzerà la posizione del Governo, che quindi potrà intervenire più velocemente, come sostiene Barak Obama? In quale parte della riforma ci sono norme che realizzano questo effetto? E, se vi sono, come in effetti vi sono perché è previsto che il Governo possa accelerare l’esame di suoi disegni di legge alla Camera dei deputati, questo risultato non si poteva ottenere anche incidendo di meno sull'assetto costituzionale delle istituzioni fondamentali dello Stato? O il rafforzamento  della posizione del Governo  è più intenso di quello che è prevedibile dalle sole norme della riforma costituzionale e dipende, come sostengono alcuni, dall'effetto congiunto di un’altra riforma, quella del sistema elettorale della Camera dei deputati, che dà al maggiore dei partiti di minoranza, qualunque sia l’entità del suo consenso tra gli elettori, la possibilità di ottenere una solida maggioranza di controllo alla Camera dei deputati, quella che dovrà votare la fiducia al Governo e che sarà una Camera maggiore, dominante,  in molte materie importanti? Ed è giusto che l’effetto reale di una riforma costituzionale, in particolare questa posizione molto rafforzata  del governo, dipenda da una legge ordinaria, mentre dovrebbe essere quest’ultima a dipendere da quella costituzionale? Ed è giusto che gli elettori siano stati chiamati a pronunciarsi su una riforma costituzionale, ma non su quella legge ordinaria che influirà molto sugli effetti di quella costituzionale, tanto che la Corte Costituzionale, chiamata a pronunciarsi sulla costituzionalità della nuova legge elettorale per la Camera dei deputati, ha inteso differire la decisione a data successiva a quella del referendum? Non sarebbe stato meglio, in considerazione dell'importanza degli effetti della legislazione elettorale su quelli  della riforma costituzionale,  integrare la riforma con norme più dettagliate sui sistemi elettorali per le due Camere, in modo di ridurre la discrezionalità del legislatore ordinario e di dare modo ai cittadini di pronunciarsi anche su questo tema nel referendum costituzionale?
Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli


Nessun commento:

Posta un commento