Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1700 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

lunedì 26 febbraio 2018

Macchine pensanti

Macchine pensanti





[dal WEB: la tecnologia, con l'automazione, libera la donna dalla fatica spaventosa di lavare i panni a mano]

 Che cos’è il pensiero? Ognuno se ne fa un’idea, perché noi pensiamo. Siamo inclini a riconoscere il pensiero anche agli esseri viventi che ci sono più simili e, in particolare, a quelli con i quali più frequentemente interagiamo e sembrano capirci, ai nostri animali domestici. E’ una facoltà che ci appare collegata alla nostra vita biologica. La scienza ne riconduce l’origine al sistema nervoso. Le piante, gli animali più semplici, gli organismi unicellulari non ci sembrano poter pensare. Eppure certe volte ci riferiamo a loro come a esseri pensanti. Ma lo facciamo anche con le cose. Ce le immaginiamo pensanti. «L'opera delle sue mani annuncia il firmamento. Il giorno al giorno ne affida il racconto e la notte alla notte ne trasmette notizia.», si legge nel salmo 18.
 Il pensiero ci caratterizza, ci crea un volto, manifesta un’anima. Quando la nostra biologia si arresta, col pensiero sembra che s’involi anche l’anima.  Se sezioniamo l’interno dell’essere vivente, come si fa nella autopsie, nelle quali un corpo che fu vivente viene smembrato nelle sue parti per studiarlo, non si coglie né il pensiero né l’anima. Il corpo di un individuo, all’interno, non appare diverso da quello di un altro, nei suoi fondamentali. Visto così diviene impossibile ricondurlo alla precisa individualità del  vivente che fu, dargli un nome, se era il corpo di un umano. Un allevatore può arrivare a chiamare per nome le bestie che cura, ma quando sono sul banco del macellaio, divise nelle varie loro parti, non ne è più capace. Così noi appariamo sul tavolo autoptico, dopo la sezione. Eppure quelle parti che osserviamo separate sul tavolo settorio, funzionavano, lavorando insieme, esprimendo pensiero e anima. Costituivano la parte materiale di ciò che era immateriale. Accade anche per i nostri computer elettronici. Abbiamo difficoltà a pensare i nostri organi come parti di una macchina, perché di quest’ultima parliamo a proposito dei congegni costruiti e non degli esseri vivi prodotti dall’evoluzione naturale. In futuro questa distinzione, per la quale ci viene facile dividere le macchine dagli organismi viventi potrebbe sfumare abbastanza. Sotto certi profili macchine pensanti sono già tra noi: siamo noi. Ma la scienza appare impegnata a perfezionare quelle costruite in modo che ci siano abbastanza simili nelle facoltà superiori, ma con competenze, abilità, molto superiori a quelle degli organismi viventi. Lo scopo, ci avvertono, non è  però quello di sostituire l’umanità, di rendere indipendenti da noi le macchine pensanti. Si tratterebbe di una specie di apocalisse, non in senso religioso ma in quello di resa dei conti, catastrofica per noi, tra umani e macchine, che non trova fondamento nella realtà scientifica e tecnologica come oggi la si osserva. Lo scrive Jerry Kaplan, nel libro Intelligenza artificiale - Guida al prossimo futuro, del 2006, oggi pubblicato in Italiano da LUISS University press, €14,00, una lettura interessante che vi consiglio, adatta a chi sta frequentando la scuola secondaria o l’abbia terminata. Gli argomenti? Che cos’è l’intelligenza artificiale (abbreviata in AI), come si è giunti a pensarla, quali sono gli obiettivi di coloro che la stanno progettando, quale legge sociale dovremo darle, se toglierà il lavoro agli umani, chi ne beneficerà, se potrà provare a sostituire l’umanità, se quest’ultima potrebbe utilizzarla per raggiungere l’immortalità.
  Il nostro pensiero è confinato nella nostra mente, ha limiti biologici da cui ne derivano di cognitivi. Siamo macchine pensanti limitate. Quelle artificiali che si stanno progettando dovrebbero innanzi tutto aiutarci a superare quei limiti. Di fatto utilizziamo stampelle di questo tipo utilizzando i nostri smartphone (=parola che significa telefono intelligente), i dispositivi che stanno piuttosto rapidamente evolvendo verso l’intelligenza artificiale, integrandosi molto strettamente con noi. Usandoli ci sembra di superare noi stessi, e sotto certi profili è vero. Però, a nostra volta, ne siamo limitati e, in particolare, condizionati. Il tempo in cui siamo connessi artificialmente è sottratto ad altri tipi di relazioni. E le relazioni filtrate dai dispositivi che abbiamo tra le mani sono organizzate da altri, nelle mani dei quali mettiamo sempre più larga parte di noi stessi. Questo accresce il loro controllo su di noi. I sistemi di intelligenza artificiale daranno più potere a chi riuscirà a controllarli. Questo richiederebbe un intervento dei poteri democratici per regolarne l’uso e questo è molto difficile da realizzare. I poteri telematici si presentano come un perfezionamento della democrazia, perché consentono relazioni di tipo nuovo e molto veloci, ma, in quanto difficilmente limitabili, sono l’antitesi dei processi democratici, che si basano su limiti fondati su valori. Ma attualmente lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, seppure molto veloce, è ancora lontano dalle potenzialità raggiungibili. Però, ad esempio, sistemi di intelligenza artificiale interagiscono nei mercati finanziari. E l’esercizio di un potere di tipo telematico è stato, secondo molti commentatori, all’origine della sorprendente affermazione dell’attuale presidente statunitense Donald Trump nella campagna elettorale del 2016. Un potere potenziato integrandovi un’intelligenza artificiale e strumenti telematici arriva a sapere delle masse molto più di quello che qualunque altro potente abbia mai saputo di esse e a controllarle in maniera molto più invasiva che mai. Esso in genere opera senza essere percepito da coloro con i quali entra in contatto. Questi ultimi ritengono di esserne potenziati, nel mentre in realtà ne risultano controllati. Chi ha interagito in rete negli ultimi anni, praticamente gran parte di chi abita nelle nazioni sviluppate, ad eccezione dei più anziani, si è abituato a subire questo condizionamento lieve nelle forme ma incisivo nei risultati. Ci siamo abituati, ad esempio, a vederci sottoposti libri su temi affini a quelli che abbiamo già comprato in rete: questo lavoro, che viene fatto automaticamente non da piazzisti umani, richiede una capacità sofisticata di conoscerci e capirci; in molti casi le proposte che ci vengono fatte sono azzeccate. Se dal commercio si passa alla politica i risultati sono analoghi.
  Si pensa che il problema più rilevante che deriva dagli sviluppi dell’intelligenza artificiale e dalle sue applicazioni nei processi industriali e amministrativi sia quello della perdita di posti di lavoro di coloro le cui competenze sono superate dall’automazione, come è accaduto dalla prima rivoluzione industriale, quella dalla fine del  Settecento. Ma si tratta di molto più di questo. Sono i processi politici quelli che appaiono più suscettibili di esserne influenzati. Sono sviluppi che furono immaginati in due romanzi di fantafuturi, che consiglio di leggere, o di rileggere, per farsi un’idea di ciò che potrebbe essere in gioco: Il mondo nuovo,  di Aldus Huxley, e 1984, di George Orwell. Narrano storie pessimiste nei confronti di ciò che verrà. In realtà, ci avvertono i sociologi, i risultati sociali delle innovazioni dipenderanno dal controllo politico che si riuscirà ad ottenere su di esse. Come è successo per le macchine più semplici, a partire dalle nostre automobili e dagli elettrodomestici di uso comune, i progressi dell’automazione ci libereranno dai lavori più faticosi e noiosi, come era quello del lavare a mano i panni in casa sull’asse di legno applicata alla vasca da bagno o al lavatoio pubblico dei paesi, al quale ancora le nostre bisnonne, o madri e  nonne per i più anziani, non borghesi erano asservite (le altre avevano chi faceva per loro quel lavoro, che comunque andava fatto in quel modo).  Ricordo, da bambino, le donne di Palestrina, qui vicino a Roma, che perdevano alcune ore della mattina per recarsi alla vasca  pubblica in paese con i panni da lavare tenuti in una tinozza metallica che portavano in equilibrio sulla testa.
 Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli


Nessun commento:

Posta un commento