Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

sabato 25 giugno 2016

La famiglia dispotica è la soluzione giusta per la fede?

La famiglia dispotica è la soluzione giusta per la fede?

 Dopo il venir meno della società in cui la religione era integrata fortemente con il potere politico e la gente era spinta dal conformismo a manifestarsi credente, si è pensato che si potesse ottenere lo stesso risultato, di induzione alla fede, con famiglie forti. Così le nostre collettività sono pensate come famiglie  allargate. La famiglia, con il dispotismo naturale  dei genitori, sembra un buon modello per legittimare le nostre innumerevoli schiere di padri.
  In realtà il modello famigliare  di organizzazione religiosa funziona poco, in particolare con i giovani. Per quanto riguarda questi ultimi contrasta con le loro naturali  progressive inclinazioni all’indipendenza. Poi fa riferimento ad una famiglia che non c’è più, autoritaria, maschilista, fondamentalmente reazionaria. In essa  sembra che la donna debba essere punita per non si sa bene quale egoismo. Puntando ad un’autorità naturale non è aperta alla condivisione e alla discussione. Le regole morali dovrebbero calare dall’alto sulle schiere dei sottoposti. Il ruolo di capo sembra adattarsi al tipo più forte fisicamente e socialmente che, in questa visione, sarebbe il padre-marito. Non si tiene conto della modifica profonda dei ruoli coniugali e genitoriali che si è prodotta negli ultimi cinquant’anni  e dove in famiglia  si parla di libertà  si intende egoismo. In realtà si pretende sottomissione  perché si adottano visioni religiose che non riescono a integrare le libertà civili che manifestano la dignità degli esseri umani. Si trovano buoni argomenti, naturalmente, nel passato, nel pensiero di epoche in cui la democrazia non c’era o in cui  è stata duramente combattuta non tanto per ragioni religiose ma propriamente politiche.
 Ma poi dove sarebbe il fondamento di questa concezione di dispotismo familiare negli scritti prodotti dalle nostre prime comunità di fede? In realtà lì la famiglia c’è veramente poco e in alcuni passi è presentata, e criticata, proprio nel suo aspetto repressivo, di costrizione degli spiriti individuali. C’è invece un discorso, nuovo rispetto ai precedenti biblici, sull’amicizia, che non a caso fu colto molto bene dal movimento cattolico democratico ai suoi esordi, a cavallo tra Settecento e Ottocento.
Mario Ardigò  - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli


  

Nessun commento:

Posta un commento