Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

giovedì 30 giugno 2016

Collaborazione tra parrocchie

Collaborazione tra parrocchie

  Quando ci fu la Messa di insediamento del nuovo parroco, vennero i preti della Nona Prefettura, che raggruppa diverse parrocchie tra cui la nostra, e molti scoprirono, o ricordarono, che non siamo un’isola, ma una parte di un tutto più vasto.
  Di solito si vive in parrocchia come in un mondo chiuso, collegato con il resto dell’universo tramite i detti e i fatti del Papa. Questo porta a contare solo sulle proprie forze.
 Quest’anno, ad esempio, non abbiamo trovato forze giovani sufficienti per organizzare il campo scuola  per i ragazzi in formazione di secondo livello. Può darsi però che altre parrocchie ci siano riuscite. Perché non aggregarsi, collaborare, mettere insieme idee e risorse?
 Sentiamo la necessità di una formazione dei catechisti che li ponga in linea con gli orientamenti e i metodi della diocesi. Anche in questo caso si potrebbero costituire delle classi  interparrocchiali mettendo in comune docenti e relatori, ed anche le verifiche sperimentali dell’efficacia delle soluzioni attuate.
 Infine c’è la questione della partecipazione del popolo di fede. Da noi è scarsa. Si va in parrocchia più che altro come utenti  dei suoi servizi. Com’è la situazione nelle altre parrocchie? Uno scambio di idee potrebbe essere utile.
 L’anno scorso avevo proposto un sinodo  parrocchiale, un’esperienza attuata in molte parrocchie italiane e, in particolare, in quella di San Giuseppe Sposo, a via Bellinzona, a Bologna, la mia parrocchia di origine. Ma forse sarebbe meglio pensare a un sinodo inter-parrocchiale, perché la maggior parte dei problemi che ci troviamo ad affrontare sono comuni alle altre parrocchie e anche le soluzioni dovrebbero esserlo.
 Di solito quando si parla di queste cose, si usa, in ecclesialese, il gergo degli addetti ai lavori dei servizi religiosi, il termine pastorale. Ci sono agganci evangelici, naturalmente. Nei due millenni della nostra grande e tragica storia religiosa, però, questa parola è stata caricata di significati che non vanno più bene nel mondo di oggi.
 La gente di fede non deve essere paragonata a pecore e, soprattutto, non ci si deve attendere che si comporti come un vero gregge. Si tratta infatti di esseri umani, non di animali.
 Fin dalle origini le nostre collettività di fede non si sono condotte come greggi di pecore. Hanno prodotto dei pastori e orientamenti. Nei secoli, poi, si è attuata una certa dialettica tra popolo e capi religiosi del clero, i pastori che hanno preso a condursi come prìncipi medievali.  Con l’avvio dei processi democratici europei le cose sono cominciate a cambiare e, in particolare, dall’Ottocento. Ai tempi nostri serve un ruolo molto più attivo di tutti, non solo di coloro che hanno avuto il mandato di pastori. E’ il senso di molti principi formulati dai nostri stessi capi religiosi a partire dagli scorsi anni Sessanta. Ma come attuare questa corresponsabilità senza introdurre processi democratici e, soprattutto, senza iniziare a farne tirocinio su larga scala?
  Un buon numero dei piccoli feudi parrocchiali si sono progressivamente svuotati di senso a partire dagli anni Novanta del secolo scorso e sono caduti in condizione di larve: ad uno a uno sono stati poi conquistati  da volenterosi riformatori, e così differenziandosi molto tra loro per ideologie dominanti e metodi di vita proposti, rompendo quell’ideale unità che è insita nel nostro discorso religioso, per cui si vorrebbe fare addirittura di tutta  l’umanità un’unica famiglia. Ora ricostituirla è difficile, soprattutto se si vuole fare da sé, e in particolare in una parrocchia come la nostra in cui il processo di differenziazione  religiosa è stato molto intenso.
  Scoprire di essere un mondo di umanità molto più grande di quello che si sospettava, condurrebbe a pensare più in grande, e quindi a confidare nel futuro, e anche a relativizzare, mettendolo in discussione alla luce degli orientamenti della diocesi, il potere che di fatto i capi dei piccoli gruppi particolari si sono arrogati in danno di quello inteso come  servizio  comune alla gente della parrocchia, nel periodo della crisi. Una volta che appaia chiaro che ci sono altre vie, altri metodi, quanto credito avrebbero, veramente, tra la gente quelle a lungo sperimentate da noi  nel passato? Come stabilirlo se non con processi democratici, che coinvolgano molte più persone di adesso?  Verso una concezione della parrocchia come casa di tutti  e non solo di quelli che ora  vi hanno voce.

Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro Valli. 

Nessun commento:

Posta un commento