Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

domenica 7 aprile 2013

Domenica 7-4-13 - 2° Domenica di Pasqua - Domenica della Divina Misericordia - Ottava di Pasqua Messa del Giorno - Lezionario dell’anno C per le domeniche e le solennità – salterio: proprio del Tempo – colore liturgico: bianco – Letture della Messa - avvisi parrocchiali e di A.C.


Domenica 7-4-13 -  2° Domenica di Pasqua - Domenica della Divina Misericordia - Ottava di Pasqua Messa del Giorno -   Lezionario dell’anno C per le domeniche e le solennità – salterio: proprio del Tempo – colore liturgico: bianco – Letture della Messa -  avvisi parrocchiali e  di A.C.


Osservazioni ambientali: temperatura 14° C. Cielo: poco nuvoloso. Canti: ingresso, E' la Pasqua del Signore; Offertorio,  Le mie mani son piene di fiori; Comunione, Symbolum 77. Partecipazione: molti parrocchiani oggi si sono recati alla basilica di S.Giovanni in Laterano per la solenne celebrazione di insediamento di Papa Francesco come vescovo di Roma. Il gruppo di AC era a destra dell'altare, guardando l'abside.

 
Buona Domenica a tutti!

 

Prima lettura
Dagli Atti degli apostoli (At 5,12-16)


 Molti segni e prodigi avvenivano fra il popolo per opera degli apostoli. Tutti erano soliti stare insieme nel portico di Salomone; nessuno degli altri osava associarsi a loro, ma il popolo li esaltava. Sempre più, però, venivano aggiunti credenti al Signore, un moltitudine di uomini e di donne, tanto che portavano gli ammalati persino nelle piazze, ponendoli su lettucci e barelle, perché, quando Pietro passava, almeno la sua ombra coprisse qualcuno di loro. Anche la folla delle città vicine a Gerusalemme accorreva, portando malati e persone tormentate da spiriti impuri, e tutti venivano guariti.

Salmo responsoriale
Dal salmo 117

Ritornello:
Rendete grazie al Signore perché è buono: il suo amore è per sempre.

Dica Israele:
"Il suo amore è per sempre".
Dica la casa di Aronne:
"Il suo amore è per sempre".
Dicano quelli che temono il Signore:
"Il suo amore è per sempre".


La pietra scartata dai costruttori
è divenuta la pietra d'angolo.
Questo è stato fatto dal Signore:
una meraviglia ai nostri occhi.
Questo è il giorno che ha fatto il Signore:
rallegriamoci in esso ed esultiamo!

 
Ti preghiamo, Signore: Dona la salvezza!
Ti preghiamo, Signore: Dona la vittoria!
Benedetto colui che viene nel nome del Signore.
Vi benediciamo dalla casa del Signore.
Il Signore è Dio, egli ci illumina.

 
Seconda lettura
Dal libro dell'Apocalisse di san Giovanni apostolo (Ap 1,9-11a.12-13.17-19)


 Io, Giovanni, vostro fratello e compagno nella tribolazione, nel regno e nella perseveranza in Gesù, mi trovavo nell'isola chiamata Patmos a causa della parola di Dio e della testimonianza di Gesù. Fui preso dallo Spirito nel giorno del Signore e udii dietro di me una voce potente, come di tromba, che diceva: "Quello che vedi, scrivilo in un libro e mandalo alle sette Chiese". Mi voltai per vedere la voce che parlava con me, e appena voltato vidi sette candelabri d'oro e, in mezzo ai candelabri, uno simile a un Figlio d'uomo, con un abito lungo fino ai piedi e cinto al petto con una fascia d'oro. Appena lo vidi, caddi ai suoi piedi come morto. Ma egli, posando su di me la sua destra, disse: "Non temere! Io sono il Primo e l'Ultimo, e il Vivente. Ero morto, ma ora vivo per sempre e ho le chiavi della morte e degli inferi. Scrivi dunque le cose che hai visto, quelle presenti e quelle che devono accadere in seguito.


Vangelo
Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 20,19-31)

 La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: "Pace a voi!". Detto questo mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: "Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi". Detto questo soffiò e disse loro: "Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati". Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Didimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: "Abbiamo visto il Signore!". Ma egli disse loro: "Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo". Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c'era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: "Pace a voi!". Poi disse a Tommaso: "Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!". Gli rispose Tommaso: "Mio Signore e mio Dio!". Gesù gli disse: "Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!". Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

Sintesi dell'omelia della Messa delle nove
 Il beato Giovanni Paolo 2° dedicò la prima domenica dopo Pasqua alla Divina Misericordia. Può sembrare che il tema della misericordia non riguardi il brano evangelico ce si è letto in questa Messa, ma non è così.
  Il Vangelo di oggi ci presenta i discepoli chiusi in un edificio per paura dei Giudei. Gesù entra e augura loro pace. La pace del signore non è quella che solitamente ci figuriamo, che è legata alla mancanza di problemi, quindi a situazioni che in genere non possiamo controllare, esteriori. E' una pace interiore che dipende dalla consapevolezza dell'amore di Dio per noi e che non può quindi essere turbata. Essa consegue alla Resurrezione di Gesù, che significa che i nostri peccati sono stati perdonati.
  Il fatto che Gesù dia ai discepoli il perdonare i  peccati può preoccuparci, perché può sembrare che la nostra salvezza sia posta nelle mani di esseri umani. Ma il perdono dei peccati discende da Dio. Avendo fatto l'esperienza del perdono dei peccati si è poi mandati agli altri, per diffonderla.
 La pace che ci dà Gesù deriva dalla constatazione della sua Resurrezione, ma non è facile credere in essa. E' lo Spirito che Gesù ci dà che ci consente di contemplare le ferite di Gesù ricavandone la fede nella sua Resurrezione  e quindi nel perdono dei nostri peccati. E' questo che cambia la nostra vita, non i nostri sforzi per adeguarci a una legge morale. Infatti Dio ci ama anche se siamo peccatori.


Sintesi di Mario Ardigò, per come ha inteso le parole del celebrante – Azione Cattolica in San Clemente Papa – Roma, Monte Sacro Valli
 
Avvisi parrocchiali:
-lunedì 8 aprile è la solennità dell'Annunciazione, spostata a questo giorno perché quest'anno il 25 marzo, giorno fissato per la sua celebrazione, cadeva nella Settimana santa. Le Messe saranno celebrate alle 8, alle 9 e alle 18. I parrocchiani, benché non sia una festa di precetto, sono invitati a parteciparvi.
-questa domenica le offerte raccolte saranno destinate alle persone bisognose della parrocchia.
-oggi alle ore 17, nel Pratone delle Valli, nei pressi del mercatino, si svolgerà il primo incontro della Grande Missione Cittadina organizzata dalla Diocesi di Roma nell'ambito delle iniziative dell'Anno della Fede. Verrà proclamato l'annuncio evangelico (Cristo è morto e risorto per la nostra salvezza, perché Dio ci ama) e ci sarà una chiamata alla conversione. Tutti sono invitati a partecipare, possibilmente portando con sé altre persone. Gli incontri proseguiranno nelle giornata del 14, 21, 28 aprile e 5° maggio. La fede religiosa può cambiare in meglio il nostro modo di affrontare i problemi e le difficoltà della nostra vita, donando pace interiore e un senso alla nostra vita, con le sue gioie e le sue sofferenze; ciò anche se la religione non promette di farci conseguire magicamente la soluzione di tutti i nostri guai.

 

Avvisi di A.C.:
- martedì 9 aprile. alle ore 17:00, nella sala nel corridoio davanti al Centro di ascolto), si terrà la riunione del gruppo parrocchiale dell’Azione Cattolica. Gli associati sono invitati a preparare una meditazione  sulle lettura di domenica 14 aprile 2013   - 3° del Tempo di Pasqua (At 5,27b-32.40b-41. Sal 29. Ap 5,11-14. Gv 21, 1-19). Saranno trattati temi relativi all’Anno della Fede;
- si segnala il sito WEB  www.parolealtre.it , il nuovo portale di Azione Cattolica sulla formazione;
- si segnala il sito WEB  Viva il Concilio http://www.vivailconcilio.it/
iniziativa attuata per conoscere la storia, lo spirito e i documenti del Concilio Vaticano 2° (1962-1965) e per   scoprirne e promuoverne nella società di oggi tutte le potenzialità.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento