Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.

Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.

Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.

Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".

L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.

Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1700 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").

GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.

Scrivo per dare motivazioni ragionevoli all’impegno sociale. Lo faccio secondo l’ideologia corrente dell’Azione Cattolica, che opera principalmente in quel campo, e secondo la mia ormai lunga esperienza di vita sociale. Quindi nell’ordine di idee di una fede religiosa, dalla quale l’Azione Cattolica trae i suoi più importanti principi sociali, ma senza fare un discorso teologico, non sono un teologo, e nemmeno catechistico, di introduzione a quella fede. Secondo il metodo dell’Azione Cattolica cerco di dare argomenti per una migliore consapevolezza storica e sociale, perché per agire in società occorre conoscerla in maniera affidabile. Penso ai miei interlocutori come a persone che hanno finito le scuole superiori, o hanno raggiunto un livello di cultura corrispondente a quel livello scolastico, e che hanno il tempo e l’esigenza di ragionare su quei temi. Non do per scontato che intendano il senso della terminologia religiosa, per cui ne adotto una neutra, non esplicitamente religiosa, e, se mi capita di usare le parole della religione, ne spiego il senso. Tengo fuori la spiritualità, perché essa richiede relazioni personali molto più forti di quelle che si possono sviluppare sul WEB, cresce nella preghiera e nella liturgia: chi sente il desiderio di esservi introdotto deve raggiungere una comunità di fede. Può essere studiata nelle sue manifestazioni esteriori e sociali, come fanno gli antropologi, ma così si rimane al suo esterno e non la si conosce veramente.

Cerco di sviluppare un discorso colto, non superficiale, fatto di ragionamenti compiuti e con precisi riferimenti culturali, sui quali chi vuole può discutere. Il mio però non è un discorso scientifico, perché di quei temi non tratto da specialista, come sono i teologi, gli storici, i sociologi, gli antropologi e gli psicologi: non ne conosco abbastanza e, soprattutto, non so tutto quello che è necessario sapere per essere un specialista. Del resto questa è la condizione di ogni specialista riguardo alle altre specializzazioni. Le scienze evolvono anche nelle relazioni tra varie specializzazioni, in un rapporto interdisciplinare, e allora il discorso colto costituisce la base per una comune comprensione. E, comunque, per gli scopi del mio discorso, non occorre una precisione specialistica, ma semmai una certa affidabilità nei riferimento, ad esempio nella ricostruzione sommaria dei fenomeni storici. Per raggiungerla, nelle relazioni intellettuali, ci si aiuta a vicenda, formulando obiezioni e proposte di correzioni: in questo consiste il dialogo intellettuale. Anch’io mi valgo di questo lavoro, ma non appare qui, è fatto nei miei ambienti sociali di riferimento.

Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.

Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

giovedì 15 marzo 2018

L’incubo del calo dell’8 per 1000


L’incubo del calo dell’8 per 1000

  La Chiesa italiana dipende, per sostenersi, dall’ingente e automatico finanziamento pubblico, l’8 per 1000 del gettito dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, contrattato negli anni ’80 con il governo della Repubblica italiana guidato dal socialista Bettino Craxi, uno dei politici di tendenze più anticlericali del tempo. I propositi di riduzione fiscale della politica oggi maggioritaria lo pone a rischio. Diminuendo le tasse, diminuirà anche quel finanziamento, che già era in calo, al di sotto del miliardo di euro all’anno, a causa della recessione economica. Ecco quindi che uno dei valori non negoziabili, il sostegno pubblico alla Chiesa cattolica, sembra a rischio. E il finanziamento proveniente dai fedeli, attraverso le offerte deducibili, i versamenti che possono essere detratti dal reddito imponibile a fini fiscali, e altre forme di contribuzioni, copre una minima parte delle esigenze ecclesiali.
  Di solito non siamo abituati ad occuparci del sostegno economico della Chiesa, anche se dovremmo, perché si insegna che è uno dei precetti generali  che dovremmo osservare: “sovvenire alle necessità della Chiesa secondo le proprie possibilità”. Si fa difficoltà a distinguere tra il patrimonio controllato dalla Santa Sede, che dicono investito anche all’estero, e quello a disposizione della Chiesa italiana. Si pensa che la Chiesa sia ricca, ed effettivamente lo è, essendo uno dei maggiori proprietari immobiliari, ma non si tiene conto gli immobili danno reddito solo se venduti, affittati o impiegati in attività d’impresa e non sempre è possibile farlo nelle attività della Chiesa, come, ad esempio, non lo è per le parrocchie. Organizzazioni ecclesiali gestiscono effettivamente attività d’impresa, ad esempio ospedali, scuole, alberghi e riescono, non certo ad arricchirsi, ma a coprire le spese aziendali e quelle per l’attività propriamente religiosa. Altre fanno attività sociali, ad esempio nel campo dell’assistenza ai bisognosi,  per cui fruiscono di contributi pubblici. In diversi settori le organizzazioni religiose possono beneficiare di esenzioni e riduzioni tributarie. Ma per una parrocchia è diverso: per lo stipendio dei preti e le spese generali dipende in massima parte da ciò che la Diocesi distribuisce e le Diocesi distribuiscono in gran parte quello che arriva loro dal finanziamento pubblico dell’8 per 1000.
  Quando, negli anni ’90, si costruì la nuova chiesa parrocchiale, le famiglie della parrocchia si tassarono e una quota importante dei costi di edificazione venne dai loro contributi. Molti mugugnarono. Il parroco stava sempre a chiedere soldi, si lamentavano. Dopo di allora non ci furono più iniziative sistematiche per sostenere la parrocchia nelle sue spese di esercizio. Certo, periodicamente ci sono donazioni di benefattori e poi c’è la raccolta delle offerte nelle Messa. Ma solo con questo non si potrebbe andare avanti.
 Il clima generale nella società di oggi è di diffidenza verso chi chiede contributi senza offrire un immediato corrispettivo. Si sospetta che siano soldi buttati o impiegati per gente oziosa. Lo stesso accade per la spesa per le istituzioni pubbliche, lo stato, gli enti territoriali e via dicendo. Certi servizi si pensa che siano dovuti e che debbano essere gratuiti, come la sanità e, appunto, la religione, vista un po’ come organizzazione di cura dell’anima, ASL dello spirito: ma si tratta di attività che hanno un costo, per il personale, per le strutture, per i materiali di consumo. La nostra parrocchia, ad esempio, ha costi alti per riscaldamento e illuminazione. Il fatto di essere collegati in presa diretta con il bilancio dello stato, con il sistema dell’8 per mille, ci tranquillizzava. Non abbiamo fatto forse caso che tra le spese da tagliare, per consentire un abbassamento delle tasse, ci sarebbe state anche quella per la religione. Ci manca spesso una visione realistica del contesto.
 Del resto i parrocchiani raramente vengono veramente coinvolti nella gestione economica. Non ricordo che nella nostra parrocchia siano stati resi pubblici conti economici e inventari. Si fanno delle spese, ma se ne vedono gli effetti, senza mai che, prima, siano esposti i progetti, anche solo perché siano conosciuti.  Del resto, forse, la realtà ci spaventerebbe. Istituzioni pubbliche come la parrocchia o i comuni sono sempre in perdita. Le entrate della parrocchia, finanziamento pubblico a parte, sono affidate al buon cuore dei fedeli. Ma tra questi ultimi prevale, mi pare, la mentalità che ho descritto.
  Un brusco ridimensionamento del gettito dell’8 per mille dovrebbe indurci a maturare costumi diversi. Come accadde quando si costruì la nuova chiesa parrocchiale, ogni famiglia dovrebbe tassarsi sistematicamente, mese per mese e a prescindere da spese straordinarie, manifestando il proprio impegno al consiglio parrocchiale per gli affari economici, in modo che sia possibile fare previsioni economiche affidabili.
  Se ben ricordo , negli anni ’90 ad un certo punto mi arrivò una lettera a casa in cui c’era la tabella con i miei versamenti per la nuova chiesa e mi si faceva presente che ero ancora al di sotto dell’impegno che ciascuna famiglia si era presa. Integrai il versamento. Potremmo doverci abituare a qualcosa del genere, e sarebbe bene farlo, perché una Chiesa così dipendente come la nostra dal finanziamento pubblico fatalmente è sottoposta a tentazioni di arrendevolezza verso la politica di governo. Del resto è cosa che rientrerebbe nella cura del  bene comune  insegnato dalla dottrina sociale. Purtroppo per quest’ultima non è in Italia un momento particolarmente felice. Mi pare infatti che nessuna forza politica del momento vi si richiami.
Mario Ardigò - Azione Cattolica in  San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli

Nessun commento:

Posta un commento