Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

mercoledì 10 agosto 2016

La riforma costituzionale a volo d'angelo

  Esaminare il testo  e capire i contenuti della riforma costituzionale oggetto del prossimo referendum è impegnativo per chi sa di diritto e molto di più per chi non ne è pratico. Occorrerebbe avere almeno dei rodimenti di educazione civica, al livello delle scuole medie inferiori di oggi. Si tratta di una legge che incide profondamente nella Costituzione, in particolare in quella parte, la seconda, che disciplina la struttura e il funzionamento delle istituzioni di vertice della Repubblica. Da essa però dipendono la difesa e lo sviluppo dei principi e valori civili che sono trattati nella prima parte della Costituzione.
 La campagna per il referendum, fatta in genere per slogan, sul modello della pubblicità commerciale, non aiuta. Gli argomenti che principalmente vengono proposti o sono superficiali o sono parzialmente fuorvianti.
   Il risparmio di denaro pubblico che si conseguirà sarà poca cosa rispetto all'intero bilancio pubblico. Si è calcolato che, quanto alle spese per il Senato, potrebbe aggirarsi intorno ad un 10%, ma avremo meno senatori e soprattutto senatori a mezzo servizio, perché dovranno fare anche i consiglieri regionali e i sindaci. La semplificazione delle procedure parlamentari sarà anch'essa poca cosa, sia per il fatto che in molte materie le leggi dovranno continuare ad essere approvate da entrambe le Camere, sia perché il nuovo Senato potrà comunque deliberare di chiedere alla Camera dei Deputati modifiche delle leggi di competenza esclusiva di quest'ultima, sia perché, data la non chiarissima formulazione delle nuove norme, è prevedibile che insorgano controversie interpretative che, coinvolgendo organi di vertice, non saranno di facile soluzione. La riforma non garantirà "le" riforme alle quali spesso si accenna genericamente e che si dice siano indispensabili per la ripresa dell'economia nazionale. Si tratta infatti di una legge che modifica o abolisce organi dello Stato, quindi che non incide direttamente sulla società. Se e come fare le riforme dipenderà dalla formazione di una sufficiente forza politica riformatrice e la riforma costituzionale oggetto del referendum  è in un certo senso indifferente rispetto alla successiva azione riformatrice nella società, in altre parole non garantisce riforme "buone", e non è detto neanche che garantisca riforme più celeri.
 Stanno uscendo diversi libri divulgativi per orientarsi nella riforma costituzionale. L'altro giorno ho indicato quello di Giatwvo Zagrebelsky, ex presidente della Corte Costituzionale", "Loro diranno, noi diciamo", edito da Laterza, orientato in senso negativo alla riforma. Della medesima opinione sono Luigi Ciotti, Alessandra Agostino, Tomaso Montanari e Livio Pepino nel libro "Io dico no", pubblicato dalle Edizioni Gruppo Abele. Favorevoli alla riforma sono due professori universitari di diritto che da giovani furono presidenti della FUCI, gli universitari cattolici: Stefano Ceccanti, in "La transizione e (quasi finita)" edito da Giappichelli, e Giovanni Guzzetta, in "Italia, si cambia", edito da Rubettino. Guzzetta fin da liceale fu per qualche tempo nel gruppo romano della Fuci di cui facevo parte anch'io, ma iniziò precocemente a collaborare nella presidenza dell'organizzazione, perché era un ragazzo molto capace.  Ceccanti è fonte particolarmente affidabile in quanto è considerato uno dei "Padri", vale a dire degli ideatori e autori, della riforma; ha fatto parte della commissione di saggi nominata dal Presidente della Repubblica Napolitano per formulare proposte per la riforma dello stato. Altro testo scritto da esperti autorevoli è "Perché è saggio dire no", pubblicato da Rubettino è scritto da Valerio Onida, ex presidente della Corte Costituzionale, e da Gaetano Quagliarello, professore universitario, costituzionalista e già membro della menzionata commissione di saggi. Informarsi su uno di questi testi, o su uno degli altri analoghi che stanno uscendo di questi tempi, è utile perché radio e televisione, le fonti informative più utilizzate dagli italiani espongono prevalentemente le ragioni favorevoli alla riforma e lo fanno in modo superficiale e soprattutto indicando, in genere, quelle sul risparmio di spesa pubblica e sulla velocizzazione delle procedure parlamentari che abbiamo visto prestare il fianco a diverse e serie obiezioni, che però in genere non vengono esposte. Le ragioni dei contrari alla riforma vengono presentate, quando lo sono, come dei partiti presi. Non si entra mai nel merito. E soprattutto non viene trattato l'argomento che mi appare quello che realmente ha motivato la riforma e che ho letto esposto in un sito web politico del Trentino, vale a dire quello di potenziare la capacità di azione del Governo, in modo che non sia un "governicchio". Questo effetto sicuramente si otterrebbe con la promulgazione della riforma costituzionale, perché tutti i governi che si sono succeduti dal '94 ad oggi, compreso quello attuale, hanno avuto difficoltà e dispiaceri nel cercare di ottenere la "fiducia" dal Senato e il nuovo Senato non sarà più competente a dare questa fiducia.
  All'inizio di questa serie di post dedicati alla riforma costituzionale, in quello del 29 luglio, ho pubblicato il testo della legge costituzionale oggetto del prossimo referendum. Essa è stata approvata dal Parlamento, con le speciali modalità previste dalla Costituzione, quindi con una doppia deliberazione conforme di Camera dei Deputati e Senato, ma entrerà in vigore, con la promulgazione del Presidente della Repubblica, solo se otterrà il consenso dei,cittadini elettori nel prossimo referendum costituzionale.
 La legge si compone di 41 articoli, che cambiano il testo della Costituzione della Repubblica. L'importanza della riforma è evidente se si tiene conto che la Costituzione ha 139 articoli e 18 disposizioni transitorie e finali.
  Il cuore della riforma è nella modifica della struttura, modalità di elezione e funzioni del Senato, delle funzioni della Camera dei Deputati, e del riparto del potere di fare leggi tra lo Stato e le Regioni. Innova però anche in altre materie: sulle leggi di iniziativa popolare e sul referendum abrogativo delle leggi; sulle modalità di elezione e sulle funzioni del Presidente della Repubblica, sulle modalità di nomina dei giudici della Corte Costituzionale e sulle funzioni della Corte, sui poteri del Governo di emanare decreti legge,limitandoli; sull'attività della pubblica amministrazione, introducendo i criteri costituzionali di trasparenza e semplificazione. Infine abolisce le Province, tranne quelle, con statuto particolare, di Trento e Bolzano, e il Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro, organo ausiliario previsto dalla Costituzione che si è dimostrato scarsamente produttivo nella sua storia, anche dopo la riforma che di esso è stata attuata nel 1986. 
 Una prima osservazione che faccio è che la legge costituzionale oggetto del referendum contiene non una ma varie riforme e che il giudizio su ciascuna di esse, ad esempio quello sulla modifica del Senato e quello sul l'abrogazione del CNEL, potrebbe essere diverso, ma che dovremo pronunciarci, al referendum, con un sì o un no complessivo: si dovrà tener conto quindi delle parti più importanti, quelle che costituiscono il "cuore" della legge ed è un peccato, perché, se prevarrà il no, saranno pregiudicate anche riforme sulle quali, se presentate separatamente, ci sarebbe stato un consenso molto largo.
Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente Papa - Roma, Monte Sacro, Valli

Nessun commento:

Posta un commento