Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

sabato 9 luglio 2016

Un’esperienza utile per la vita?

Un’esperienza utile per la vita?

  C’è la vita dei giovani e quella dei vecchi: non sono le stesse vite. Ma c’è anche una religione dei giovani e una dei vecchi: è la stessa fede, ma sono religioni diverse, perché vivono in vite diverse. La religione, il  modo in cui si vive la fede, non sta fuori di noi, per poi calarci addosso come gli stampini che da bambini utilizzavamo per imprimere delle figure sulla sabbia umida. Qualche volta invece la si concepisce così  e in genere fallisce: falliscono i vari cammini  di perfezionamento di quel tipo. Si cresce d’età e si cambia ed è come quando, sulla spiaggia del mare, arrivava l’onda a cancellare le nostre figure sulla sabbia, che tornavano quello che erano, sabbia informe. Cambiano le vite, cambiano le religioni: si vive la fede in altro modo. Ciò che era utile da giovani non lo è più da vecchi e viceversa. I vecchi propongono ai giovani il loro modello di religione e i giovani lo trovano inutile, ed effettivamente lo è, almeno per loro. All’origine delle varie crisi religiose degli ultimi anni mi pare che ci sia questa inutilità della religione per vari tipi di persone, per varie età e il tentativo di superarle cercando di restaurare nelle nostre collettività un unico modello religioso, in genere conformato alle visioni dei vegliardi che dirigono le nostre collettività.
  E’ stato notato che le religioni, in particolare quelle che esprimono la nostra fede, sono in crisi solo in Europa, ma  non nel resto del mondo, in cui, anzi, la religiosità si sta rigogliosamente sviluppando. Ma questo sviluppo nel resto del mondo non è un fatto positivo: perché sono terribili religiosità quelle che si stanno sviluppando; in un certo senso è l’antico che risorge. Le religioni hanno molte controindicazioni, anche la nostra. Nell’Europa contemporanea hanno perso la gran parte della loro carica mortifera e sono divenute fattore di sviluppo e sostegno della civilizzazione pacifica. Le loro crisi più recenti dipendono, mi pare, dal fatto che molti principi della civilizzazione europea tendono a farsi recessivi: la cultura della pace e dell’integrazione tra popoli di culture diverse, il superamento dei divari economici suscitando forme più intense di relazioni e scambi contrastando le posizioni dominanti. In questo processo le religioni sono intervenute marginalmente e prevalentemente a rimorchio e in genere tardivamente e senza entusiasmo, anche la nostra sebbene i nostri laici di fede abbiano avuto un ruolo molto importante nei processi democratici europei del secondo dopoguerra, e ora che si è arrestato non sembrano averne nostalgia, anzi. Spesso si è guardato addirittura alle crisi della civiltà all’europea come ad un'opportunità di ripresa religiosa: è l’impostazione reazionaria che è da sempre endemica in Italia. Ma dietro le crisi europee si affacciano le religioni dei vecchi tempi, quelle che storicamente si sono dimostrate incompatibili con la pace tra i popoli e che, per questo motivo, vanno contrastate apertamente da chi vuole la pace.
  In effetti l’evoluzione più sorprendente delle nostre collettività di fede nello scorso secolo si è manifestata nello sviluppo di una cultura religiosa della pace, a partire dall'esperienza della Prima guerra mondiale. In precedenza si era stati veramente poco pacifici in religione e la cultura della pace tra noi non si è affermata subito, con le prime dichiarazioni dei Papi in quel senso, ma con un processo che si  è prolungato almeno fino agli scorsi anni ’90. Ora per certi versi si sta tornando indietro. Le nostre collettività religiose sono rimaste sostanzialmente mute di fronte alle guerre che gli europei stanno attualmente combattendo in Africa settentrionale e nel Vicino Oriente.
  Per un giovane la religione può ancora essere utile. Per me lo è stata. Mi ha messo in contatto con una grande cultura che mi è servita negli studi, nella mia professione, nell’impostare la mia vita. La religione per me non è mai stata quel Mondo Piccolo  descritto, e anche vagheggiato, dallo scrittore emiliano Guareschi nella sua saga di don Camillo. A Roma c’è il centro mondiale della nostra cultura di fede, una straordinaria opportunità per i giovani in formazione, ma in genere si vive la fede ignorandolo. La fede viene proposta come rito e spiritualità, di solito secondo un modello per vecchi. L’incomprensibile dispersione della biblioteca parrocchiale, da noi, può essere considerata un indice significativo di questa concezione. Una biblioteca però può essere metodicamente ricostituita. Più difficile correggere una mentalità che vede nell’apertura  una minaccia per la religione. Ma sarebbe strano un giovane che non anelasse all’apertura e alla sperimentazione: e infatti i più giovani ci sfuggono. Li conosciamo poco e, non conoscendoli, non li stimiamo: pensiamo di conoscerli per stereotipi e pregiudizi e ne diffidiamo. E, in fondo, in questo seguiamo l’orientamento della società italiana del nostro tempo, non certo favorevole ai più giovani. Questo è alla base dell’attuale crisi di civiltà, di fronte alla quale la nostra religione sembra avere poco da dire.
Mario Ardigò  - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli



Nessun commento:

Posta un commento