Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

domenica 17 luglio 2016

Insufficienza della formazione religiosa di primo livello centrata sul Decalogo

Insufficienza della formazione religiosa di primo livello centrata sul Decalogo






  Non sono tanto d’accordo con quelli che in parrocchia vogliono basare la formazione religiosa di primo livello sul Decalogo. Specialmente quando ci si propone di farlo nel quadro di un contesto di ebraizzazione immaginaria, disinvoltamente reinterpretando e attualizzando la storia sacra, figurandosi di impersonare antiche tribù  israelitiche. Un quadro poco rispettoso dell’ebraismo com’è realmente, dei suoi simboli e tradizioni, in particolare del suo ricchissimo patrimonio culturale che si è formato coevo alle nostre tradizioni religiose.
  Riconosciamo di condividere importanti aspetti di cultura religiosa con altre fedi monoteistiche: allora, se  condividiamo, non dobbiamo farci lecito di pasticciare  arbitrariamente in ciò che è comune.
 La Legge mosaica non consiste solo nelle Dieci Parole, ma in un corpo molto più ampio di prescrizioni rituali ed etiche, sulle quali la grande tradizione ebraica che si è sviluppata nella nostra era ha fondato il suo amorevole studio, attualizzandole  secondo varie tradizioni che si sono parlate nei secoli attraverso un fitto, vastissimo, intenso  e prezioso  dialogo, del quale a noi in genere arrivano briciole, ma briciole di grande sapienza.
 Ma nel Decalogo non c’è ciò che è caratteristico della nostra fede. Ad esempio ciò che è espresso nel racconto dei samaritano misericordioso o in quelli delle moltiplicazioni  del cibo, per sfamare le folle. Non si tratta di particolari di poco conto, ma del centro delle nostre convinzioni religiose, dell’immagine del soprannaturale che ci proponiamo di condividere. L’agàpe, termine del greco antico che evoca un lieto convito, è al centro di tutto, perché è scritto che il fondamento di tutto è  agàpe.
 E’ sull’agàpe che si può innestare anche una formazione religiosa alla cittadinanza democratica.  Perché è magnanima, benigna, non manca di rispetto, non tiene conto del male ricevuto, tutto scusa, tutto spera, tutto sopporta, e via cantando,  e non avrà mai fine, è scritto, e ancora non ne capiamo bene la logica, per cui ne parliamo sempre in modo insufficiente, ma verrà il tempo, è scritto, in cui capiremo meglio, vedremo faccia a faccia. E non  è su questo che siamo invitati a meditare  e ad agire, nell’impegno sulla misericordia che è stato assegnato quest’anno?
  Una fede che ha al suo centro l’agàpe, che l’ha come sua norma etica suprema e anche come spiegazione del senso della vita, ha in sé anticorpi potenti contro la malattia della violenza e dell’intolleranza a sfondo religioso.  Un morbo endemico nelle religioni di tutti i tempi. Temo che ancora debba sorgere una religione veramente pacifica e pacificata, anche se l’anelito alla pace si trova in molte fedi.
  Tutti gli impedimenti insuperabili al progresso verso l’agàpe che la nostra teologia ha storicamente costruito e che ora non riesce a superare, avendoli appunto ideati così, perderebbero la loro forza ostruttiva se si ragionasse veramente secondo l’agàpe, così come è successo anni fa con alcune delle questioni che nel nostro tremendo passato avevano giustificato le guerre di religione stragiste europee.  Ma lasciamo i teologi ai loro rovelli. La teologia ha dimostrato di poter cambiare. Sembra in genere pentita sinceramente del tanto male che ha prodotto in passato. Alla fine, lentamente, probabilmente evolverà. Verso dove? Siamo noi, i non teologi, a dover indicare la strada, noi che siamo liberi da certi impicci concettuali. Ci verranno dietro, nel bene e nel male. Rivolgiamoci quindi al bene. Pratichiamo l’agàpe.
 Laddove, ad esempio, si intende il “non uccidere!” con molte ragionevoli  eccezioni, per cui, nonostante la religione e anzi talvolta con la sua benedizione, nonostante il Decalogo, si  è continuato e  si continua ad uccidere (ecco l’insufficienza della mentalità decaloghista), diamoci all’agàpe, pratichiamola, sforziamoci di rendere  possibile una società in cui effettivamente non si uccida, meno che mai per pretesti religiosi. E, fin dai bambini proviamo a insegnare che si può essere realmente diversi dai modelli religiosi stragisti e intolleranti. Una civiltà  fraterna? Di più. La fratellanza  non basta più, il sentimento di una comune origine biologica o anche solo spirituale. Non è vero che ci sono anche le controversie tra fratelli e proprio una di esse, omicida, troviamo all’inizio dei testi sacri? C’è quel detto che fa “vi ho chiamato amici”: la democrazia contemporanea vorrebbe essere una forma di amicizia molto intensa, benevola, solidale, partecipata. Questa amicizia  partecipata, benevola e solidale dove la inseriamo in un insegnamento di primo livello centrato sul Decalogo?  Do uno sguardo generale al Catechismo della Chiesa Cattolica, che si vorrebbe come modello catechetico universale, e vedo lo spazio limitato,  ben bilanciato con altri importanti insegnamenti, che ha nell’esposizione.  Perché non seguirlo?

Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli

Nessun commento:

Posta un commento