Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1700 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

giovedì 17 marzo 2016

Realtà virtuale

Realtà virtuale


Piero della Francesca, La tortura dell'ebreo; basilica di San Francesco in Arezzo


  A volte si vive la religione come in una realtà virtuale, altamente immaginaria, in cui non c’è  più posto per gli altri. Questo è un modo cattivo di vivere la fede, una delle molte controindicazioni della religione, appunto perché non ha più cuore per gli altri, li esclude, preferisce farne a meno. E’ questa la  nostra  fede? Purtroppo storicamente è stato uno dei modi di viverla e di attuarla. Ma, a ragionarci bene su, ci si può convincere, liberandosi da molte presuntuose e arroganti teologie che l’hanno incrostata insegnando vie omicide, che non è questo l’insegnamento del Maestro, che si deve essere diversi, perché la nostra è una fede benevolente ogni oltre inimicizia, una fede che cerca gli altri per far loro del bene.
 Eppure essere diversi è a volte così difficile.
  Ci si è aspramente combattuti per motivi che oggi non comprendiamo più bene.
  Ma se ne trovano sempre altri.
  Quanto deve durare un Rosario? Dieci minuti, mezz’ora, di più? Così l’altro giorno ci è stato introdotto il discorso della battaglia di Pasqua che si sta combattendo il parrocchia, tra chi vuole la Veglia dal tramonto all’alba e chi la vuole umanizzare riportandola a due ore e mezzo, come si fa nelle altre parrocchie.
 E gli altri, dove sono in questa pretesa di far durare la Veglia tutta la notte?
 Non siamo una comunità monastica.
 Se non conteniamo la Veglia in termini ragionevoli la gente non ci viene. La dobbiamo disprezzare per questo? Ma neanch’io ho mai partecipato a quelle maratone. Disprezzate anche me? Mi ritenete un fedele imperfetto per questo? La mia fede è debole? Devo essere anch’io ristrutturato?
  E’ così che le “Terre Sante” diventano inferni in terra, il cupo destino della Gerusalemme terrena.
 L’altro giorno, alla riunione in AC, abbiamo affrontato la figura di Elena (Quarto secolo della nostra era), la madre dell’imperatore Costantino, proclamata santa.
 Da anziana si incaponì a ritrovare la croce su cui era stato giustiziato il Maestro.  Si racconta che, recatasi a Gerusalemme, devastata dalla furia dei romani nel Primo secolo, infierì sugli ebrei che vi trovò per farsi rivelare dove erano finite le tre croci della Passione (pochi pezzi di legno, tre secoli dopo l'evento, in una Gerusalemme annientata!). Addirittura ne fece torturare uno, che le era stato indicato come persona che sapeva, facendolo buttare in un pozzo e tenendocelo dentro fin quando le disse qualcosa che la soddisfece. Il pittore Piero della Francesca (Quattrocento) ci fece su un dipinto, che vedete qui sopra e che si trova nella basilica di San Francesco ad Arezzo. Verità, fantasia? La storia del ritrovamento della Vera Croce ha il sapore di una favola medievale, ed  è a quei tempi che risale il libello che la contiene. Ma probabilmente qualcosa di vero c’è. La crudeltà verso gli ebrei, ad esempio. E’ in linea con le manifestazione storiche bimillenarie della nostra fede. Ma tutto è circonfuso in una specie di sogno. E’ lì che vogliamo rinchiuderci?
Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli


Nessun commento:

Posta un commento