Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1700 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

venerdì 7 settembre 2018

Trattare secondo la legge le persone in mano nostra: un dovere, in democrazia

  Tra "Accogliere tutti" e "Trattare secondo la legge le persone in mano nostra" c'è una bella differenza. Il secondo obiettivo, oltre che doveroso in democrazia, è molto più alla nostra portata.
  Nemmeno il popolo può fare tutto ciò che vuole delle persone: è infatti un "sovrano" limitato dalla Costituzione. E la Costituzione, oltre che limiti di carattere umanitario ne pone di legali: per fare certe cose degli e agli altri occorre una legge. La Costituzione ci obbliga anche a rispettare i trattati internazionali, altri tipi di accordi internazionali e il diritto europeo, in particolare nell'occuparci della gente caduta in mani nostre. 
  Se fosse consentito di fare agli altri tutto ciò che si vuole, oggi magari toccherebbe a loro e un domani a noi stessi. "Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te": la regola d'oro. 
  La legge stabilisce come trattare anche chi commette illeciti o, comunque, è in posizione irregolare. C'è, ad esempio, un ordinamento penitenziario che stabilisce delle condizioni minime di vivibilità della detenzione. In Costituzione c'è un principio molto importante in questa materia, all'art.27, 2° comma, del codice penale, secondo il quale è vietato sottoporre chi non è in regola a trattamenti contrari al senso di umanità.  Esso,  che è diventato legge fondamentale dello stato, vale anche per i malati e in altri casi (art.32 della Costituzione). Ne possiamo ricavare un principio ancora più generale: chiunque cada nelle mani dei pubblici poteri deve essere trattato con umanità. Lo possiamo chiamare: il principio umanitario.
  Chi presidia quel principio umanitario? E' prima di tutto  compito del popolo, di tutto il popolo, fin dai bambini. Si può essere disumani anche da bambini, come tutti ben ricordiamo. C'è quindi un problema di formazione. Deve trattarsi di formazione permanente, perché altrimenti si tende a dimenticare. 
 In democrazia, non c'è ragion di stato che tenga. Il principio umanitario è un limite generale di sistema. Chi lo viola colpisce al cuore  il sistema. Non può esistere, infatti, una democrazia disumana. La paura ci fa  a volte pensare che la democrazia sia un lusso che ormai non possiamo più permetterci. Questo ci rende già più poveri. La democrazia è prima di tutto una conquista culturale, dell'animo umano.
  Che cos'è questa paura che ci prende? 
  Abbiamo vissuto momenti ben peggiori e siamo sopravvissuti. 
  Non siamo caduti sotto il dominio di una potenza straniera, che ci trattava disumanamente, come accadde tra il '43 e il '45: un'esperienza vissuta dai miei genitori.   Non ammazzano per strada una persona al giorno, come in certi periodi degli anni '70 che ho vissuto da ragazzo. 
  E allora? 

Mario Ardigò - Azione Cattolica in San Clemente papa - Roma, Monte Sacro, Valli

Nessun commento:

Posta un commento