Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

domenica 23 giugno 2013

Domenica 23-6-13 - 12° Domenica del Tempo Ordinario - Lezionario dell’anno C per le domeniche e le solennità – salterio: quarta settimana– colore liturgico: verde– Letture della Messa - avvisi parrocchiali e di A.C.


Domenica 23-6-13  -  12° Domenica del Tempo Ordinario -   Lezionario dell’anno C per le domeniche e   le solennità – salterio: quarta settimana– colore liturgico: verde– Letture della Messa -  avvisi parrocchiali e  di A.C.
 
Osservazioni ambientali: temperatura  28° C. . Cielo: sereno, clima non afoso; è una magnifica domenica di estate romana. Canti: ingresso, Alzo gli occhi verso i  monti; Offertorio, Gesù per le strade; Comunione, Symbolum 77. Il gruppo di AC era nei banchi a sinistra dell'altare, guardando l'abside.
 
Buona Domenica a tutti!
 
Prima lettura
Dal libro del profeta Zaccaria (Zc 12,10-11; 13,1)
 
 Così dice il Signore: "Riverserò sopra la casa di Davide e sopra gli abitanti di Gerusalemme uno spirito di grazia e di consolazione: guarderanno a me, colui che hanno trafitto. Ne faranno il lutto come si fa il lutto per un figlio unico, lo piangeranno come si piange il primogenito. In quel giorno grande sarà il lamento a Gerusalemme, simile al lamento di Adad-Rimmon nella pianura di Meghiddo. In quel giorno vi sarà per la casa di Davide e per gli abitanti di Gerusalemme una sorgente zampillante per lavare il peccato e l'impurità".
Salmo responsoriale
Dal salmo 62

Ritornello:
Ha sete di te, Signore l'anima mia

O Dio, tu sei il mio Dio,
dall'aurora io ti cerco,
ha sete di te l'anima mia,
desidera te la mia carne
in terra arida, assetata, senz'acqua.

Così nel santuario ti ho contemplato,
guardando la tua potenza e la tua gloria.
Poiché il tuo amore vale più della vita,
le mie labbra canteranno la tua lode.

Così ti benedirò per tutta la vita:
nel tuo nome alzerò le mie mani.
Come saziato dai cibi migliori,
come labbra gioiose ti loderà la mia bocca.

Quando penso a te che sei stato il mio aiuto,
esulto di gioia all'ombra delle tue ali.
A te si stringe l'anima mia:
la tua destra mi sostiene.


Seconda lettura
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati (Gal 3,26-29)
Fratelli, tutti voi siete figli di Dio mediante la fede in Cristo Gesù, poiché quanti siete stati battezzati in Cristo vi siete rivestiti di Cristo. Non c'è Giudeo né Greco; non c'è schiavo né libero; non c'è maschio e femmina, perché tutti siete uno in Cristo Gesù. Se appartenente a Cristo, allora siete discendenza di Abramo, eredi secondo la promessa.
Vangelo
Dal Vangelo secondo Luca  (Lc 9,18-24)
 Un giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare. I discepoli erano con lui ed egli pose loro questa domanda: "Le folle, chi dicono che io sia?". Essi risposero: "Giovanni il Battista; altri dicono Elia; altri uno degli antichi profeti che è risorto". Pietro rispose: "Il Cristo di Dio". Egli ordinò loro severamente di non riferirlo ad alcuno. "Il Figlio dell'uomo -disse- deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno". Poi, a tutti, diceva: "Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà".

Sintesi dell'omelia della Messa delle nove in parrocchia
  Chi è Gesù Cristo per noi, nella nostra esperienza personale? Un amico? Un compagno? Il tuo Dio? Non fa quello che chiediamo, quello che desideriamo. chi è per te, Gesù Cristo? Sono domande a cui tutti dovrebbero rispondere.
 Il brano evangelico di oggi ci presenta Gesù in un luogo solitario dove era andato a pregare. Segue un suo colloquio con i discepoli, aperto dalla domanda "Le folle, chi dicono che io sia?. Non vengono precisati il tempo e il luogo. Inizia con l'espressione.  "un giorno". La domanda quindi vale per tutti e per tutti i tempi.
 Gesù aveva già compiuto il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci, le folle avevano quindi imparto a conoscerlo da questo evento prodigioso.
 Anche per noi è più facile dire che cosa pensa di Gesù la società del nostro tempo, quindi che cosa ne pensano gli altri. Ma la domanda importante è che cosa "tu" pensi di Gesù Cristo.
 Nel brano evangelico, Pietro risponde, a nome di tutti: "Il Cristo di Dio". Gesù, a questa risposta, non replica complimentandosi con Pietro o invitando i discepoli a partire per evangelizzare, per portare questa notizia anche all'altra gente. Vieta severamente ai discepoli di riferirlo ad alcuno. Non era la prima volta che Gesù diceva questo (ad esempio l'aveva detto quando aveva cacciato dei demòni  da una persona). Non era ancora giunto infatti il tempo di evangelizzare. Dovevano accadere eventi che Gesù profetizza, parlando di sé stesso come del Figlio dell'Uomo, un'espressione universalistica, e non di Figlio di Davide, che avrebbe richiamato ideali nazionalistici ebraici: egli doveva soffrire molto, essere ucciso e poi risorgere. Qualcuno voleva seguirlo? Doveva rinnegare sé stesso e prendere la propria croce ogni giorno. In fin dei conti, quindi, la cose più importante non è sapere chi è  Gesù, ma seguirlo, rinnegando sé stessi e prendendo la propria croce ogni giorno. La croce era il patibolo di condannati a morte. Essi portavano la propria croce una volta sola, il giorno in cui erano giustiziati. Gesù invece chiede di portarla ogni giorno e rinnegando sé stessi. Quindi rimanendo con lui rinnegando il proprio io, quindi anche quando non è comodo farlo, quando si va contro i propri desideri egoistici.  Altrimenti, non rinnegando sé stessi, non si segue Gesù, ma solo sé stessi.
 Il primo passo  è quindi il riconoscere che Gesù Cristo è "il" Signore. Il secondo passo è riconoscere che egli è il "mio" Signore. Non lo si può fare seguendo i propri desideri, la propria ragione. Bisogna sottomettersi alla volontà di Gesù Cristo, perché e Gesù Cristo che ci rende capaci di portare la nostra croce rinnegando sé stessi. E' impossibile farlo da soli. Soli siamo egoisti. Ma è possibile farlo rimanendo uniti a Gesù. Come rimanere uniti a Gesù. E' Gesù stesso a darci un esempio: pregando.  Egli ci invita a pregare come lui, ad entrare così in intimità con il Padre e con lui, chiedendo lo Spirito che ci rende capaci di seguire Gesù Cristo e di fare la volontà di Dio Padre.

Sintesi dell'omelia della Messa delle nove in un convento di suore non lontano dalla parrocchia
 Stando al dizionario, "rinnegare" è una brutta parola. Significa far mostra di non conoscere chi invece si conosce bene, perché si è stati legati a lui da rapporti di affetto, parentela, amicizia. Significa sottrarsi agli obblighi che di solito quei rapporti comportano. Ma che significa "rinnegare se stessi", vale a dire dimenticarsi di sé?  Nelle parole di Gesù che abbiamo letto nel brano evangelico della Messa, è uno dei due requisiti che occorrono per seguire il Maestro. L'altro è prendere la propria croce.
 "Prendere la propria croce ogni giorno" non è in fondo difficile. Le croci della vita sono le difficoltà e  i dolori che subiamo. A volte non è difficile sopportarli: un malessere passeggero, qualche contrarietà sul lavoro, una cattiva parola da una persona vicina. Altre volte è molto più impegnativo: una malattia grave e invalidante, di incerta guarigione; un matrimonio in difficoltà; un brutto incontro con persone malvagie.  Ma, in fondo, non occorre che le croci andiamo a cercarcele, ci vengono date nel corso della vita. A noi tocca caricarcele e spesso non possiamo fare diversamente. E alla fine c'è comunque "la" Croce. A questo non si può scampare.
 Per il "rinnegare sé stessi" è diverso. E' una cosa in cui la nostra buona disposizione conta di più.
 Nelle cose della vita di solito si cerca di conoscere bene sé stessi, di valutare le proprie capacità, di elaborare strategie, fare programmi, in  base alle situazioni che ci presentano e in relazione ai risultati che si vogliono conseguire.
 Per le cose di fede è diverso. "Rinnegare sé stessi" significa rinunciare a far conto su sé stessi e affidarsi invece a Gesù, mettersi a camminare dietro a lui, lasciando che sia lui  a fissarci la meta e a condurci verso di essa. Cercando di salvarci la vita da noi stessi, la perderemo. Seguendo Gesù, risorgeremo con lui.

Avvisi parrocchiali:
 nessun avviso
Avvisi di A.C.:
-le riunioni infrasettimanali del gruppo di AC riprenderanno il primo martedì di ottobre;
- si segnala il nuovo sito WEB dall'AC diocesana: www.acroma.it
- si segnala il sito WEB  www.parolealtre.it , il nuovo portale di Azione Cattolica sulla formazione;
- si segnala il sito WEB  Viva il Concilio http://www.vivailconcilio.it/
iniziativa attuata per conoscere la storia, lo spirito e i documenti del Concilio Vaticano 2° (1962-1965) e per   scoprirne e promuoverne nella società di oggi tutte le potenzialità.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento