Per contribuire ai contenuti

Questo blog è stato aperto da Mario Ardigò per consentire il dialogo fra gli associati dell'associazione parrocchiale di Azione Cattolica della Parrocchia di San Clemente Papa, a Roma, quartiere Roma - Montesacro - Valli, e fra essi e altre persone interessate a capire il senso dell'associarsi in Azione Cattolica, palestra di libertà e democrazia nello sforzo di proporre alla società del nostro tempo i principi di fede, secondo lo Statuto approvato nel 1969, sotto la presidenza nazionale di Vittorio Bachelet, e aggiornato nel 2003.
Questo blog è un'iniziativa di laici aderenti all'Azione Cattolica della parrocchia di San Clemente papa e manifesta idee ed opinioni espresse sotto la personale responsabilità di chi scrive. Esso non è un organo informativo della parrocchia né dell'Azione Cattolica e, in particolare, non è espressione delle opinioni del parroco e dei sacerdoti suoi collaboratori, anche se i laici di Azione Cattolica che lo animano le tengono in grande considerazione.
Chi voglia pubblicare un contenuto (al di là dei semplici commenti ai "post", che possono essere lasciati cliccando su "commenti"), può inviarlo a Mario Ardigò all'indirizzo di posta elettronica marioardigo@yahoo.com all'interno di una e-mail o come allegato Word a una e-email. I contenuti pubblicati su questo blog possono essere visualizzati senza restrizioni da utenti di tutto il mondo e possono essere elaborati da motori di ricerca; dato il tema del blog essi potrebbero anche rivelare un'appartenenza religiosa. Nel richiederne e autorizzarne la pubblicazione si rifletta bene se inserirvi dati che consentano un'identificazione personale o, comunque, dati di contatto, come indirizzo email o numeri telefonici.
Non è necessario, per leggere i contenuti pubblicati sul blog, iscriversi ai "lettori fissi".
L'elenco dei contenuti pubblicati si trova sulla destra dello schermo, nel settore archivio blog, in ordine cronologico. Per visualizzare un contenuto pubblicato basta cliccare sul titolo del contenuto. Per visualizzare i post archiviati nelle cartelle per mese o per anno, si deve cliccare prima sul triangolino a sinistra dell'indicazione del mese o dell'anno.
Dal gennaio del 2012, su questo blog sono stati pubblicati oltre 1400 interventi (post) su vari argomenti. Per ricercare quelli su un determinato tema, impostare su GOOGLE una ricerca inserendo "acvivearomavalli.blogspot.it" + una parola chiave che riguarda il tema di interesse (ad esempio "democrazia").
GOOGLE INSERISCE DEI COOKIE NEL CORSO DELLA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG. SI TRATTA DI PROGRAMMI COMUNEMENTE UTILIZZATI PER MIGLIORARE E RENDERE PIU' VELOCE LA LETTURA. INTERAGENDO CON IL BLOG LI SI ACCETTA. I BROWSER DI NAVIGAZIONE SUL WEB POSSONO ESSERE IMPOSTATI PER NON AMMETTERLI: IN TAL CASO, PERO', POTREBBE ESSERE IMPOSSIBILE VISUALIZZARE I CONTENUTI DEL BLOG.
Un cordiale benvenuto a tutti e un vivo ringraziamento a tutti coloro che vorranno interloquire.
Il gruppo di AC di San Clemente Papa si riunisce abitualmente il martedì alle 17 e anima la Messa domenicale delle 9.

Mario Ardigò, dell'associazione di AC S. Clemente Papa - Roma

domenica 17 marzo 2013

Domenica 17 marzo 2013 - 5° domenica di Quaresima - Lezionario dell’anno C per le domeniche e le solennità – salterio: 1° settimana – colore liturgico: viola – Letture e sintesi dell’omelia della Messa delle nove - avvisi parrocchiali e di A.C.


Domenica 17 marzo 2013 -  5° domenica di Quaresima -  Lezionario dell’anno C per le domeniche e le solennità – salterio: 1° settimana – colore liturgico: viola – Letture e sintesi dell’omelia della Messa delle nove -  avvisi parrocchiali e di A.C.

Osservazioni ambientali: temperatura 12° C. Cielo: coperto, con schiarite di tanto in tanto. Canti: ingresso, Vi darò un cuore nuovo; Offertorio, Le mani alzate; Comunione, Symbolum 77. Oggi molti parrocchiani sono andati a piazza S. Pietro per partecipare all'Angelus di papa Francesco.

Buona domenica a tutti!

Benvenuto al papa Francesco e un saluto affettuoso al papa emerito Benedetto, i cui alti insegnamenti rimarranno sempre nelle nostre menti e nei nostri cuori.

Prima lettura
Dal libro del profeta Isaia (Is 43,16-21)

Così dice il Signore, che aprì una strada nel mare e un sentiero in mezzo ad acque possenti, che fece uscire carri e cavalli, esercito ed eroi a un tempo; essi giacciono morti, mai più si rialzeranno, si spensero come un lucignolo, sono estinti: "Non ricordate più le cose passate, non pensate più alle cose antiche! Ecco, io faccio una cosa nuova: proprio ora germoglia, non ve ne accorgete? Aprirò anche nel deserto un strada, immetterò fiumi nella steppa. Mi glorificheranno le bestie selvatiche, sciacalli e struzzi, perché avrò fornito acqua al deserto, fiumi alla steppa, per dissetare il mio popolo, il mio eletto. Il popolo che io ho plasmato per me celebrerà le mie lodi.

Salmo responsoriale
Dal salmo  125

Ritornello:
Grandi cose ha fatto il Signore per noi.

Quando il Signore ristabilì la sorte di Sion,
ci sembrava di sognare.
Allora la nostra bocca si riempì di sorriso,
la nostra lingua di gioia.

Allora si diceva tra le genti:
"Il Signore ha fatto grandi cose per loro".
Grandi cose ha fatto il Signore per noi:
eravamo pieni di gioia.

Ristabilisci, Signore, la nostra sorte,
come i torrenti del Negheb.
Chi semina nelle lacrime
mieterà nella gioia.

Nell'andare, se ne va piangendo,
portando la semente da gettare,
ma nel tornare, viene con gioia,
portando i suoi covoni.

Seconda lettura
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippesi (Fil 3,8-14)

 Fratelli, ritengo che tutto sia una perdita a motivo della sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore. Per lui ho lasciato perdere tutte queste cose e le considero spazzatura, per guadagnare Cristo ed essere trovato in lui, avendo come mia giustizia non quella derivante dalla Legge, ma quella che viene dalla fede in Cristo, la giustizia che viene da Dio, basata sulla fede: perché io possa conoscere lui, la potenza della sua risurrezione, la comunione alle sue sofferenze, facendomi conforme alla sua morte, nella speranza di giungere alla risurrezione dei morti. Non ho certo raggiunto la mèta, non sono arrivato alla perfezione, ma mi sforzo di correre per conquistarla, perché anch'io sono stato conquistato da Cristo Gesù. Fratelli, io non ritengo ancora di averla conquistata. So soltanto questo: dimenticando ciò che mi sta alle spalle e proteso verso ciò che mi sta di fronte, corro verso la mèta, al premio che Dio ci chiama a ricevere lassù, in Cristo Gesù.


Vangelo
Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 8,1-11)

  In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro. Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e gli dissero: "Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?". Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo per accusarlo. Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. Tuttavia, poiché insistevano nell'interrogarlo, si alzò e disse loro: "Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei". E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani. Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo. Allora Gesù si alzò e le disse: "Donna, dove sono? Nessuna ti ha condannata?". Ed ella rispose: "Nessuno, Signore". E Gesù disse: "Neanch'io ti condanno; va' e d'ora in poi non peccare più.

Sintesi dell’omelia della Messa delle nove
 "Va' e d'ora in poi non peccare più": queste sono le parole con cui si chiude il brano evangelico letto oggi in questa Messa.  Come intenderle?
 Ogni volta che ci accostiamo al sacramento della Riconciliazione, confessiamo più o meno gli stessi peccati. Come la prenderemmo se il sacerdote ci dicesse, dopo averci impartito l'assoluzione, che quella è stata l'ultima occasione per pentirci, poi basta? E' esperienza comune che noi cerchiamo di non ricadere negli stessi peccati, ma poi in genere non riusciamo a mantenere questo proposito.
  L'appello evangelico, che possiamo intendere come rivolto a tutti noi, non va inteso in senso moralistico.
 Nel brano del Vangelo Gesù è messo alla prova. Nel Decalogo c'è il comandamento di non uccidere. Ma la legge di Mosè prescriveva di lapidare le adultere. Comunque avesse risposto sul tema che gli era stato proposto, che fare dell'adultera colta in flagrante (vale a dire mentre commetteva adulterio), Gesù poteva essere criticato per aver violato una norma.
 Gesù ci viene presentato mentre scrive per terra con il dito. La tradizione dei Padri della Chiesa ha molto riflettuto su questo gesto. Nella Scrittura il dito di Dio esprime l'intervento divino nel mondo.  Si è quindi ritenuto che Gesù stesse scrivendo i comandamenti del Decalogo, "scritto dal dito di Dio" (Esodo 31,18).
 L'adultera venne portata al cospetto di Gesù. E' questo che cambiò la sua sorte, che altrimenti era segnata secondo la Legge. E' l'intimità con Gesù che ci rende capaci di cambiare, di migliorare. Non i nostri sforzi per adeguarci a norme etiche. E' quella intimità che anche noi dobbiamo cercare, oggi, nella nostra vita e nella nostra fede.
 L'adulterio, nella Scritture, è spesso usato come immagine dell'idolatria. Dio viene infatti  presentato come lo sposo e il suo popolo come la sposa.  Il tradimento di Dio viene così presentato come una adulterio.
 Al fondamento dell'adulterio c'è la solitudine. Gli esseri umani infatti non sono stati creati per essere soli. Soli sono infelici. La solitudine li spinge a cercare vita intorno a loro. Ma restano poi insoddisfatti. Solo l'intimità con Gesù fa raggiungere la felicità che dura. Raggiunta questa intimità, tutto il resto, come scrive san Paolo nella seconda lettura di oggi, al confronto è come spazzatura. E' l'intimità con Gesù che ci distoglie dal peccato.

 
Sintesi di Mario Ardigò, per come ha inteso le parole del celebrante – Azione Cattolica in San Clemente Papa – Roma, Monte Sacro Valli 

 Le offerte raccolte nelle Messe domenicali del tempo di Quaresima sono destinate a iniziative caritative e assistenziali. Verranno donate il Giovedì Santo. Questa domenica  ci è stata presentata l'attività della Casa dell'Immacolata, una struttura dedicata all'assistenza di madri in difficoltà e dei loro bambini  in cui operano suore francescane.

Sul piazzale antistante la chiesa parrocchiale sono in vendita le uova di Pasqua dell'AIL, l'associazione contro le leucemie, linfomi e mieloma, che finanzia la ricerca scientifica su queste malattie, svolge attività di informazione pubblica su di esse, anche al fine della diagnosi precoce (che aumenta l'efficacia delle terapie e la possibilità di ottenere lunghe remissioni),  e sostiene e assiste efficacemente i malati. 

Avvisi parrocchiali:
-nel tempo di Quaresima, la chiesa parrocchiale sarà aperta dalle ore 6:30 per la recita delle Lodi;
-venerdì 22 marzo, alle ore 17, si terrà il pio esercizio della Via Crucis;

Avvisi di A.C.:
-martedì 19 marzo, alle ore 17:00, nella sala nel corridoio davanti al Centro di ascolto, si terrà la riunione del gruppo parrocchiale dell’Azione Cattolica. I membri del gruppo sono invitati a preparare sono invitati a preparare una meditazione  sulle letture di domenica 24 marzo 2013, Domenica delle Palme (Is 50,4-7; Fil 2,6-11; Lc 22,14-13,56).   Verranno trattati temi inerenti alle riflessioni proposte per l'Anno della Fede  e la Quaresima, anche alla luce dell'elezione del papa Francesco;
- si segnala il sito WEB  www.parolealtre.it , il nuovo portale di Azione Cattolica sulla formazione;
- si segnala il sito WEB  Viva il Concilio http://www.vivailconcilio.it/
iniziativa attuata per conoscere la storia, lo spirito e i documenti del Concilio Vaticano 2° (1962-1965) e per   scoprirne e promuoverne nella società di oggi tutte le potenzialità.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento